Ha travolto con il suo suv due cugini di 11 e 12 anni nel centro storico di Vittoria (Ragusa) e poi è scappato a piedi dal luogo dell’incidente. Uno dei bambini è morto sul colpo, l’altro è in gravissime condizioni. L’autista, il 37enne Rosario Greco, si è poi presentato volontariamente in questura ed è risultato positivo a droga e alcol: è stato arrestato per omicidio stradale. La Squadra mobile gli contesta anche la detenzione di uno sfollagente telescopico e una mazza da baseball. Ha precedenti penali per porto abusivo di armi e traffico di sostanze stupefacenti. E’ stato arrestato nel 2015 a seguito di diverse perquisizioni della Polizia che gli hanno ritrovato a casa armi. I tre passeggeri che erano con lui, due dei quali pregiudicati, si sono costituiti per primi, spiegando di essere scappati per paura di essere aggrediti. Sono stati denunciati per omissione di soccorso e favoreggiamento.

Greco è il figlio di Elio Greco, il re degli imballaggi di Vittoria. Secondo il Tribunale di Catania, che a gennaio gli ha sequestrato beni per un valore complessivo di circa 35 milioni di euro, è stato un affiliato al clan Dominante-Carbonaro e vicino alla famiglia mafiosa gelese dei Rinzivillo. Nelle 36 pagine di decreto di sequestro dei beni viene ripercorsa l’ascesa economica di Greco e dei suoi parenti più prossimi, una famiglia che tra il 1987 e il 1999 non ha dichiarato redditi e che dagli anni Duemila si è invece arricchita entrando nel settore degli imballaggi per i prodotti ortofrutticoli. Elio Greco è stato anche arrestato, nel dicembre 2017, nell’inchiesta ‘Ghost Trash’ sul presunto controllo della mafia nel settore degli imballaggi ortofrutticoli e a Pasqua di quest’anno è stato arrestato per tentato omicidio ai danni di Raffaele Giudice, che ha ferito con un colpo di pistola ad una gamba per contrasti di natura economica.
Il figlio Rosario, invece,

Gli esami effettuati dall’Asp hanno accertato la presenza di un tasso alcolemico quattro volte superiore ai limiti di legge. Il bambino ferito è stato trasferito in elisoccorso nel reparto di Rianimazione pediatrico di Messina dopo essere stato sottoposto in nottata a un delicato intervento chirurgico. Le sue condizioni sono gravissime. Il piccolo, così come il cuginetto coetaneo, ha avuto tranciate di netto entrambe le gambe dal Suv piombato ad alta velocità sui due bambini che stavano giocando davanti all’uscio di casa. Il conducente ha perso il controllo dell’auto durante una manovra azzardata di sorpasso all’incrocio con via IV aprile, una stretta strada del centro storico. I due cuginetti, che sono figli di due fratelli, frequentavano l’istituto comprensivo “Portella della Ginestra” di Vittoria.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bologna, morto Bruno Papignani, storico leader della Fiom. Bersani: “Tristezza, sindacalista vero”

next
Articolo Successivo

Genova, delibera “anti-kebab” blocca apertura di un negozio della tedesca ‘Dm’. Imbarazzo in giunta Bucci: “Risolveremo”

next