Sette punti in meno rispetto a tre settimane fa, ma soprattutto 23 in meno rispetto a luglio 2018. Crolla il consenso per il governo che dal 68% di luglio 2018 passa al 45, per la prima volta sotto il 50%. Sono i dati che emergono dal sondaggio Ipsos per il Corriere della Sera, che evidenziano anche importanti cedimenti per l’indice di gradimento del capo politico dei 5 Stelle Luigi Di Maio, che tocca il livello più basso dall’insediamento con 25 punti. Un anno fa era a 57. Scende anche Salvini che va sotto di 10 punti rispetto al picco di marzo 2018 e si ferma a 49, 4 punti in meno rispetto all’ultima rilevazione. Più su di Salvini invece resta Conte (52 dai 69 di un anno fa), premiato per la sua capacità di tenuta tra i due alleati e il suo ruolo di mediazione in Europa.

Guardando invece ai partiti, rispetto alle Europee la Lega perde un punto (da 34,3 a 33,3) mentre i 5 Stelle aumentano dello 0,2 passando da 17,1 a 17,3. I dem registrano un calo di 1,5 punti (da 22,7 a 21,2), Forza Italia sale dello 0,5 (da 8,8 a 9,3) mentre Fratelli d’Italia passa dal 6,5 al 6,7. Guardando alle politiche 2018, chi è salito nei consensi a oggi è la Lega, quasi raddoppiata dal 17,4 al 33,3, mentre i 5 Stelle sono crollati di 15 punti, dal 32,7 al 17,3. Calo anche di Forza Italia da 14 a 9,3, mentre il Pd aumenta lievemente dal 18,7 al 21,2 e Fratelli d’Italia sale di oltre due punti dal 4,4 al 6,7.

Cambia anche sensibilmente la posizione degli elettori di Lega e M5s rispetto all’alleato di governo. Cresce il malcontento dei leghisti verso il partito guidato da Di Maio, che cala da 81 a 33 perdendo così 48 punti. Giù anche Conte che passa da 90 a 57 (-33), mentre il governo scende di 22 punti rispetto a luglio 2018 e si ferma a 71. La fiducia in Salvini invece, per gli elettori voterebbero il Carroccio, passa da 93 a 97. Minore il malcontento dei 5 Stelle verso i partner di maggioranza: il malcontento verso Salvini è la metà rispetto a quello dei leghisti verso Di Maio e passa dal 70 al 44 (-26), mentre cala anche quello per il governo (da 95 a 84) e per Di Maio (da 90 a 76), mentre cresce di due punti il gradimento per il presidente del Consiglio, che passa da 90 a 92.