Sono stati assolti anche in appello gli ex vertici e ex manager di Fiat, Alfa Romeo e Alfa, imputati per quindici casi di operai morti per forme tumorali provocate dall’esposizione all’amianto dopo aver lavorato negli stabilimenti dell’Alfa Romeo di Arese, in provincia di Milano. I giudici della quinta sezione della corte d’Appello di Milano hanno confermato l’assoluzione decisa dal Tribunale per l’ex amministratore delegato di Fiat Auto Paolo Cantarella, per l’ex presidente Fiat Giorgio Garuzzo, per l’ex presidente di Lancia Industriale Pietro Fusaro e per altri due ex amministratori delegati di Alfa Romeo. La Procura generale di Milano aveva chiesto condanne tra i 5 e gli 8 anni di reclusione per omicidio colposo.

Confermata, quindi, l’assoluzione decisa in primo grado nel 2017. Anche nel precedente grado di giudizio i pm avevano chiesto le condanne per gli ex manager che, secondo l’accusa, nel periodo al centro delle indagini, tra gli anni ’70 e gli anni ’90, non hanno adottato le necessarie misure di prevenzione per proteggere i lavoratori dal rischio amianto. Ma per il Tribunale non era stato possibile accertare se l’amianto presente nello stabilimento dell’Alfa Romeo di Arese (Milano), tra la metà degli anni ‘70 e metà anni ‘90, “abbia causato, o concorso a causare, i decessi per tumore polmonare o mesotelioma pleurico dei 15 lavoratori”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Lotti davanti al gup Forleo: “Non sapevo dell’indagine. Non potevo riferire a Marroni ciò che non conoscevo”

prev
Articolo Successivo

Gran Bretagna, giudice ordina aborto forzato su donna con ritardo mentale. Sentenza ribaltata in Appello

next