Sono oltre quattrocento i musicisti che hanno suonato negli ultimi anni in quarantacinque ospedali italiani, all’interno del progetto “Special Stage” di Officine Buone. I dieci migliori artisti che hanno partecipato al progetto della onlus, che ha come obiettivo mettere il talento al servizio del sociale, si sfideranno sabato 22 giugno sul palco dello Zelig di Milano per la finale 2019. A condurre sarà Marco Maccarini, ex conduttore del Festivalbar, che ha preso in carico anche la direzione artistica dello show.

“Special Stage” nasce da un palco speciale installato nell’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano nel 2008 e permette a giovani musicisti, cantanti e band di valorizzare il proprio talento suonando su un palco speciale negli ospedali italiani. La musica, spiega Ugo Vivone, fondatore di Officine Buone, “assume un ruolo importante per stimolare la capacità di reagire e superare gli ostacoli delle malattie offrendo un momento di svago e distrazione”.

“Data dopo data – continua Vivone – ci siamo accorti che ‘Special Stage’ stava diventando qualcosa di serio e importante. Negli ultimi 3 anni il coinvolgimento di oltre sessanta nomi della scena musicale italiana, senza distinzioni tra indie e mainstream, e la moltiplicazione del numero delle sedi ci ha fatto capire che il progetto era ormai uscito da una dimensione puramente sociale ed era pronto per essere una rivoluzione musicale“.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Istat, record negativo delle nascite: “Un calo demografico che non si vedeva da un secolo”. Unico argine il saldo migratorio

prev
Articolo Successivo

Criminalità in Italia, un fenomeno che cambia /1

next