“Sono preoccupato per la situazione economica italiana, ma speriamo che prevalga il buon senso”. Con queste parole, l’ex presidente del Consiglio Romano Prodi ha commentato il momento economico del paese a margine di un convegno su Keynes organizzato da Ispi. Insieme a lui c’era anche il governatore della Banca d’Italia Ignazio Visco: “Le imprese non investono, perché le aspettative nel medio e lungo periodo sono tali che scoraggiano l’investimento. C’è una caduta nella fiducia nel fatto che le forze politiche siano in grado di rimuovere gli ostacoli all’attività produttiva”. Visco ha poi concluso definendo i valori dello spread “ridicoli” perché riflettono la paura che il debito non sia ripagato e che non sia ripagato ai valori a cui è stato acquistato. Alcuni dicono di voler uscire dall’Euro, non so se ci credano o no, ma sarebbe una grande sciocchezza

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, nella lettera di Conte all’Ue attacchi ai partner che fanno concorrenza fiscale e alla Germania per il surplus

next
Articolo Successivo

Minibot, Cottarelli: “Sono inutili, sto dalla parte di Tria. A Salvini dico che l’alternativa sono i titoli di Stato”

next