Deve il suo nome al paradiso dei guerrieri cantato dalla mitologia antica della Norvegia l’ultima hypercar della Aston Martin: la Valhalla, conosciuta fino ad oggi con il nome in codice AM/RB 003. Si rinverdisce così la tradizione del marchio britannico di chiamare con un nome che inizia con la V tutti i suoi modelli più esclusivi. E questo senza dubbio lo è: costruzione per intero in fibra di carbonio, motorizzazione ibrida da 1.000 cavalli, solo 500 esemplari, 1,235 milioni di euro di listino. ”I nomi dei modelli Aston Martin attirano sempre molta attenzione – ha dichiarato il presidente di Aston Martin Lagonda e AD del Gruppo, Andy Palmer – e questo perché invariabilmente catturano un’emozione o raccontano una storia. Dopo Valkyrie sapevamo che Aston Martin Valhalla doveva essere in grado garantire una forte affermazione, offrendo anche continuità e chiarezza nel collegamento col passato. La mitologia norvegese contiene un linguaggio così potente e una ricca narrazione da farci ritenere giusto che l’AM-RB 003 seguisse il tema di Valkyrie”. L’auto, che potrebbe essere utilizzata da Daniel Craig nel prossimo capitolo (il venticinquesimo) della saga di James Bond, nasce dalla collaborazione tra Aston Martin, Adrian Newey e Red Bull Advanced Techologies.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

McLaren GT, al via la passerella in 11 paesi europei. C’è anche l’Italia – FOTO

prev
Articolo Successivo

Bmw Vision M Next, la sportività di domani è connessa ed elettrificata – FOTO

next