Patrick Shanahan, il segretario alla Difesa pro tempore, ha rinunciato all’incarico ufficialmente “per dedicare più tempo alla sua famiglia”. Ad annunciare il ritiro è stato il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, che ha affermato che al suo posto nominerà Mark Esper, l’attuale segretario dell’Esercito. Per la Casa Bianca si tratta di una perdita importante in un momento delicato fra le crescenti tensioni con l’Iran: proprio poche ore fa Shanahan aveva autorizzato l’invio di ulteriori mille soldati americani in Medio Oriente.

Shanahan il 1° gennaio era stato nominato a capo del Pentagono dal presidente americano al posto di James Mattische aveva rassegnato le dimissioni a causa del disaccordo con Trump, in particolare sulla decisione presa dal capo della Casa Bianca di ritirare 7mila uomini dall’Afghanistan. L’audizione per la sua conferma era stata più volte posticipata: i ritardi sarebbero stati legati ad alcune indagini avviate dall’Fbi sul suo passato e sul suo divorzio burrascoso, con accuse reciproche di violenze domestiche fra lui e la moglie, e alla volontà dello stesso Shanahan di mantenere l’assoluto riserbo sulle sue vicende personali. La moglie era stata arrestata per averlo aveva colpito con un pugno in pieno viso e il figlio, all’epoca del fatto 17enne, era stato a sua volta arrestato per aver picchiato la madre con una mazza da baseball, lasciandola in una pozza di sangue.

Gli episodi risalgono a dieci anni ma rischiano ancora, ha detto Shanahan in un’intervista al Washington Post, di traumatizzare la sua famiglia e suo figlio più piccolo: “Cose brutte possono succedere anche nelle buone famiglie”, ha affermato. Secondo il racconto di Shanahan l’ex moglie sarebbe diventata nel corso degli anni sempre più strana e inaffidabile. Il divorzio successivo ha però peggiorato le cose: l’ex moglie Kimberly ha inizialmente ottenuto la custodia dei tre figli, ma nel 2014 le è stata tolta quella dei due figli più piccoli in seguito al suo “abuso” degli scontri con i ragazzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Usa, Trump: “Siamo pronti ad arresti di massa e rimpatri di milioni di clandestini”

prev
Articolo Successivo

Egitto, il fantasma di Mohamed Morsi aleggia sul Cairo: “Ora la Fratellanza potrà aprirsi ad alleanze con l’opposizione laica”

next