In Groenlandia il ghiaccio si sta sciogliendo velocemente, almeno in questi giorni. La foto scattata durante la missione di un team di ricerca danese lo testimonia: il 13 giugno Steffen Olsen, scienziato del Centro per l’Oceano e i ghiacci dell’Istituto meteorologico danese, ha immortalato i cani da slitta che corrono nell’acqua fino alla caviglia attraversando il fiordo parzialmente sciolto di Inglefield Bredning. Nell’immagine sembra che i cani camminino sull’acqua di un grande lago, anche se, ha spiegato Olsen, sotto il ghiaccio c’è ancora una lastra di 1.2 metri di spessore che ora è completamente ricoperta dall’acqua. Il collega di Olsen, Rasmus Tonboe, che ha twittato la foto, ha spiegato che “lo scioglimento rapido del ghiaccio marino con bassa permeabilità e le poche crepe mantengono l’acqua di fusione in superficie”.


Olsen ha scritto su Twitter che per recuperare il materiale meteorologico e oceanografico collocato mesi fa, il suo team si è basato sulle conoscenze tradizionali dei cacciatori locali e dei loro cani spesso in cerca di punti asciutti sul ghiaccio. Il team ha anche utilizzato, per pianificare il viaggio, immagini satellitari.

In un’intervista al Guardian Ruth Mottram, scienziata dell’Istituto meteorologico danese, ha affermato che gli eventi di fusione come quello nella foto si verificano in una fase più avanzata dell’estate ma è ancora troppo presto per dire quale sia il ruolo effettivo del riscaldamento globale: anche se le temperature sono insolite, le condizioni non sono senza precedenti. Ha affermato, inoltre, che “le simulazioni sul modello climatico prevedono che ci sarà un generale declino della lunghezza della stagione dei ghiacci in Groenlandia”, ma non si sa ancora quanto velocemente avverrà e di quanto sarà l’aumento della temperatura.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Friuli, pesticidi che uccidono le api: agricoltore indagato segue corso sulla semina per estinguere il reato

prev
Articolo Successivo

Dl Crescita, Arcelor Mittal: “Così è impossibile gestire Taranto, necessario mantenere tutele legali”

next