Francesco Belsito, l’ex tesoriere della Lega, è stato assolto dall’accusa di associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita, al riciclaggio e alla truffa. Lo scopo, secondo l’accusa, era quello di intercettare commesse di aziende a partecipazione pubblica tra cui Siram, Fincantieri e Grandi Navi Veloci. Per lui, rinviato a giudizio nell’aprile del 2017, il procuratore Vittorio Ranieri Miniati aveva chiesto la condanna a 4 anni. Anche gli altri tre imputati, Romolo Girardelli, Stefano Bonet e Stefano Lombardelli, sono stati assolti.

Tra i fatti contestati a Belsito e agli altri tre imputati c’era anche una truffa ai danni dello Stato per oltre 8 milioni di euro, tra il 2010 e il 2011, per aver tratto in in inganno l’erario pubblico, con Lega e ministero dell’Interno che si erano costituiti parte civile. Secondo il pm, Belsito era un partecipe dell’organizzazione e non un promotore. La prossima udienza è prevista per il 23 maggio.

Il processo era stato trasferito da Milano a Genova su richiesta dei difensori, gli avvocati Giuseppe Maria Gallo e Maurizio Vinciguerra. Siram, comunque, è totalmente estranea al processo penale davanti il Tribunale di Genova. “Il filone dell’indagine che, in passato, ha interessato Siram – aveva fatto sapere l’azienda – riguardava un’agevolazione fiscale di cui era stata contestata la legittimità. Rispetto a essa, sin dal 2012, Siram ha regolarizzato la propria posizione con l’Agenzia delle Entrate. Inoltre, nel mese di maggio 2018, il Tribunale di Milano, davanti al quale pendeva l’indagine, ha pronunciato sentenza di non doversi procedere in relazione a tutti i capi di imputazione e a tutti gli imputati, compresa Siram”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Csm, il silenzio del procuratore Fuzio sulle richieste di Palamara. E ai giornalisti: “Mi costringete ad andare via…”

prev
Articolo Successivo

Csm, nelle intercettazioni anche il pg Fuzio. Palamara: “Diranno che sono la P5”. Gli insulti ad Ardita: “È un talebano”

next