Tra le nuove intercettazioni trasmesse dalla Procura di Perugia al Consiglio superiore della magistratura, che raccontano i colloqui del pubblico ministro Luca Palamara e le sue manovre in merito alla spartizione delle nomine ai vertici degli uffici giudiziari e per ottenere informazioni in merito all’inchiesta per corruzione a suo carico avviata da Perugia, c’è anche la registrazione di un incontro – ancora secretato, ndr, – in cui lo stesso Palamara ha cercato di chiedere aiuto al procuratore della Cassazione, Riccardo Fuzio. Ovvero, lo stesso procuratore che ha poi avviato l’azione disciplinare contro di lui, oltre che contro i cinque consiglieri del Csm che hanno partecipato alla riunione notturna in un albergo romano.

Presente a un convegno a Roma, all’assemblea di “Assolavoro”, Riccardo Fuzio non ha però voluto commentare quanto emerso, né fornire chiarimenti. Anzi, scortato e infastidito dalla presenza dei cronisti, ha tagliato corto: “Sono qui per altro, mi costringete ad andare via…“.

Né ha replicato alle domande sull’ipotesi di un suo possibile passo indietro. Il colloquio tra Palamara e Fuzio è stato captato dal “trojan” nel cellulare dello stesso Palamara e risale allo scorso 27 maggio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anm, eletto il nuovo presidente: è Luca Poniz di Area: “Gigantesca questione morale. Grati ai pm di Roma e Perugia”

prev
Articolo Successivo

Francesco Belsito assolto dall’accusa di associazione a delinquere finalizzata all’appropriazione indebita e al riciclaggio

next