Sei ore davanti ai pm per negare di aver mai ricevuto denaro in modo illecito. Davanti ai pm di Milano Nino Caianiello ha parlato solo di soldi versati in chiaro al partito, cioè Forza Italia. Ma ha anche tirato in ballo l’ex europarlamentare Lara Comi. “Facevo politica, ero influente e avevo l’autorità per occuparmene, avevo avuto la delega da Lara Comi e dai coordinatori varesini di Forza Italia che l’hanno preceduta”, ha detto l’uomo considerato il “burattinaio” del sistema di tangenti, appalti e nomine pilotate e finanziamenti illeciti della Regione Lombardia

Arrivato intorno alle 12, Caianiello è uscito dopo le ore 18. Per il suo difensore, l’avvocato Tiberio Masseroni, ha fornito “chiarimenti”. A chi gli ha chiesto se dopo le dichiarazioni rese dall’ex segretario di Forza Italia di Gallarate Alberto Bilardo, Caianiello abbia intenzione di farsi interrogare per collaborare con la procura, il legale ha risposto: “Faremo le nostre riflessioni”. Alla domanda se l’interruzione dell’interrogatorio di oggi fosse per un cambio di linea, il difensore ha replicato: “Non ci sono ripensamenti, ci sono riflessioni da fare”. Sempre secondo l’avvocato, il ras locale di Forza Italia avrebbe fatto ai pm un “cappello” generale sull’ambiente politico in cui ha operato a partire dagli anni ’80 fino al suo arresto.

Caianiello era stato arrestato il 7 maggio scorso  nel’ambito di un’operazione che ha portato a 43 misure cautelari. Tra le persone arrestate anche il consigliere lombardo di Forza Italia Fabio Altitonante e l’ormai ex consigliere comunale milanese, sempre berlusconiano, Pietro Tatarella. Quello di oggi per Caianiello, accompagnato dalla polizia penitenziaria (è in carcere anche con l’accusa di associazione per delinquere), è il primo interrogatorio nell’inchiesta dei pm Silvia Bonardi, Luigi Furno e Adriano Scudieri. Tra gli indagati dell’inchiesta anche Comi, accusata di corruzione, finanziamento illecito e truffa al Parlamento europeo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Appalti Reggio Emilia, indagati anche ex vicesindaco e assessore Pd. Il pm: “Abbiamo agito dopo il voto”

prev
Articolo Successivo

Rcs, inchiesta per usura sul caso della vendita della sede storica del Corriere

next