Ha tentato di rapire una bambina di 9 anni che era in bici in compagnia della nonna ad Albano Laziale, vicino Roma. La polizia ha eseguito un’ordinanza del gip di Velletri, che ha disposto la custodia cautelare in carcere per un uomo di 43enne di Albano. La vicenda è avvenuta l’1 giugno nei giardini di via Risorgimento. L’uomo, dopo aver importunato un gruppo di ragazze, aveva concentrato la sua attenzione su una bambina che stava andando in bici, con la nonna, nei pressi di una fontana. Palesemente ubriaco, dopo averle seguite per un tratto di strada, ha afferrato la bimba cercando di portarla con sè. Solo l’intervento della nonna ha evitato il peggio. Nell’allontanarsi con la bimba tra le braccia l’uomo è caduto provocando alla piccola la rottura del capitello radiale. La bambina, come accertato dagli specialisti del Bambino Gesù, avrebbe riportato anche un “disturbo post-traumatico da stress acuto“. Dopo essere stato inseguito e bloccato da un gruppo di cittadini che avevano assistito alla scena, l’uomo ha trovato rifugio in un’auto di passaggio, ma dopo poco è stato fermato dalla pattuglia del commissariato di Albano, diretto da Antonio Masala, allertata dalla Sala Operativa. La raccolta di numerose testimonianze, l’esito degli esami del sangue – che hanno confermato nell’uomo un tasso alcolemico superiore a 2 grammi/litro e l’assunzione di cocaina – e la visione delle immagini di alcune telecamere della zona, hanno consentito alla Procura di Velletri di chiedere e ottenere dal gip un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il 43enne. L’ordinanza è stata eseguita dagli investigatori del commissariato di Albano e l’uomo, gravato da numerosi precedenti penali, tra i quali uno del 2003 simile, si trova ora nel carcere di Velletri a disposizione dell’autorità giudiziaria

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Catanzaro, bimbo di tre anni cade dal quinto piano: “Non è in pericolo di vita. Salvato dai fili della biancheria”

prev
Articolo Successivo

Brescia, maltrattamenti in un asilo nido: arrestate tre maestre incastrate dai filmati delle telecamere

next