“Invito questo giudice a candidarsi alle prossime elezioni per cambiare le leggi che non condivide” aveva detto Matteo Salvini riferendosi alla giudice Luciana Breggia rea, secondo il ministro dell’Interno, di essersi “opposta” alle politiche del governo in materia di sicurezza (una sentenza della magistrata del Tribunale di Firenza aveva escluso il Viminale dal giudizio sull’iscrizione anagrafica di un migrante). L’avvocato e deputato di Liberi e Uguali, Federico Conte, ha chiesto alla Camera al leader della Lega di dissociarsi dall’intenzione di “schedare” tre giudici (oltre a Breggia, Rosaria Trizzino Matilde Betti). “Non vogliamo schedare nessuno” ha replicato il vicepresidente del Consiglio, “nutro dubbio e stupore sul fatto che si possa amministrare la giustizia quando si è schierati politicamente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Whirlpool, su La7 l’accusa di Calenda a Di Maio: “Ha mentito. Sapeva della chiusura di Napoli da aprile”

prev
Articolo Successivo

Csm, Quirinale: “Mattarella non è mai intervenuto sulle nomine. L’ultimo incontro con Lotti risale al 6 agosto”

next