Sono accusati di aver rubato 27mila provette dai laboratori Genos di Perdasdefogu, contenenti il Dna degli ostraglini, la popolazione sarda considerata tra le più longeve del mondo. Dopo tre anni di indagini, la procura di Lanusei ha chiesto il rinvio a giudizio per 13 persone. Nel provvedimento compaiono i nomi di amministratori locali, consiglieri di Genos e SharDna, medici e collaboratori, sospettati a vario titolo di avere violato la legge sulla privacy sulla illecita trattazione di dati sensibili, ma anche di furto, peculato e falsità materiale commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici.

Tutto era cominciato nell’agosto del 2016quando una dipendente della Genos aveva scoperto che alcuni cassetti dei banchi frigo erano stati svuotati. Su 230mila campioni, erano 27mila quelli spariti. Il Dna serviva per uno studio sulla longevità. Il pm Biagio Mazzeo, come riportano i quotidiani locali, ha depositato la richiesta di processo che il gup Nicola Clivio esaminerà nell’udienza fissata per il 12 settembre.

Gli indagati, sempre secondo i quotidiani sardi, sono Maurizio Fossarelli, primario della clinica oculistica del San Giovanni di Dio di Cagliari, dove furono ritrovate le provette; il presidente e i consiglieri di amministrazione di Genos Valter Vittorio Mura, Maurizio Caddeo, Franco Tegas (Sindaco di Talana), Mariano Carta (sindaco di Perdasdefogu), Piergiorgio Lorrai e Ercole Perino; l’amministratore unico di Longevia Tiziano Lazzaretti; gli amministratori di SharDna, Maurizia Squinzi e Mario Valsecchi e e il curatore fallimentare della Shar.Dna Renato Macciotta. A questi si aggiungono il genetista Mario Pirastu, inventore di SharDna, e la sua collaboratrice Simona Vaccargiu, sospettati di essersi impossessati delle provette contenenti il materiale biologico donato dagli ogliastrini, poi ritrovate a Cagliari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Rai2, indagine a Catania su dichiarazioni dei cantanti neomelodici nel talk Realiti

prev
Articolo Successivo

Ex patron del Bari calcio Cosmo Antonio Giancaspro agli arresti domiciliari

next