Hanno abolito la plastica monouso e cercano di incentivare la buone pratiche. Dallo scorso mese di aprile, il porto turistico di Marina di Pisa è diventato il primo porto plastic free d’Italia, ed è stato inserito in uno specifico elenco del ministero dell’Ambiente. Alle imbarcazioni in entrata e in uscita viene fornito un eco-kit che comprende borraccia e stoviglie riutilizzabili, invece il bar e ristorante ha optato per soluzioni come le posate di bambù, i piatti di carta e la plastica compostabile.

Un’iniziativa a tutela del mare, che si inserisce all’interno della campagna #StopSingleUsePlastic lanciata dalla Onlus Marevivo. Ogni anno finiscono nei mari 13 milioni di tonnellate di plastica che equivalgono a sedici buste colme di spazzatura per ogni metro delle nostre coste. Il 49 per cento della spazzatura in mare è composto dalla plastica monouso, se continuiamo così nel 2050 potrebbe esserci più plastica che pesci, in mare. A partire da quest’estate anche le novecento spiagge del litorale toscano elimineranno la plastica monouso. Anche i pescatori locali collaborano da mesi alla raccolta della plastica in mare, durante la pesca, come auspica il disegno di legge Salva Mare

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Trivelle, la multinazionale Petroceltic rinuncia a tre permessi nell’Adriatico

prev
Articolo Successivo

Terra dei fuochi, il Report Sentieri conferma ciò che sapevamo già. Ma qui a parlarne siamo ancora pochi

next