Quattro limousine da 935.033 dollari (circa 826 mila euro) per una visita di due giorni in Irlanda: a pagare il conto salato, i cittadini statunitensi. Donald Trump e la first lady Melania, in viaggio nel Regno Unito, hanno scelto infatti di prendere a noleggio presso l’agenzia funebre JP Ward&Sons quattro vetture extra-lusso saldate a rate in quattro tranche.

A riportare la spesa, il sito ufficiale USASpending.gov ripreso dal quotidiano britannico Guardian: dalla ditta funebre non è giunta ancora alcuna informazione, così come lo stesso Dipartimento di Stato non ha voluto dare conferma sull’ammontare della spesa. Che fa strabuzzare gli occhi non poco se si pensa anche al costo, in aggiunta, del soggiorno del Presidente e dell’intero staff, all’hotel InterContinental London Park Lane, oltre 1,2 milioni di dollari.

Il Guardian chiarisce anche che la visita al primo ministro irlandese Leo Varadkar, che si chiuderà oggi con il ritorno a Washington, avrebbe previsto spostamenti prevalentemente aerei, a bordo di un elicottero, perciò sembra incomprensibile il motivo per cui abbia dovuto prendere ben quattro limousine.

Pare però che Trump non sia stato l’unico presidente “a stelle e strisce” ad avere un debole per le limousine offerte da JP Ward&Sons: nel 2013, in occasione del G8 in Irlanda del Nord cui partecipava l’allora inquilino della Casa Bianca Barack Obama, le sue figlie e la first lady Michelle presero a noleggio anche loro una Mercedes Classe E, alla più “modica” cifra di 114 mila dollari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nissan, cosa c’è dietro al grande rifiuto che entrerà nella storia del Giappone

prev
Articolo Successivo

Rc auto, Ivass: negli ultimi 5 anni prezzo medio dei premi diminuito del 19,5%

next