Dopo che gli aerei dell’esercito governativo siriano e quelli russi hanno bombardato 25 ospedali in un solo mese, i medici che operano nell’ultima roccaforte ribelle siriana di Idlib, assediata dalle forze di Damasco e Mosca, hanno deciso che non forniranno più alle Nazioni Unite le coordinate degli edifici dove operano per soccorrere le vittime del conflitto, secondo quanto riportato dall’Independent. Una scelta che si scontra con la prassi di fornire l’esatta posizione di certe strutture, proprio per limitare le possibilità che vengano coinvolte nel conflitto, ma che è motivata dal fatto che ben nove ospedali di cui è stata fornita la posizione sono stati poi bombardati dall’aeronautica russa.

Le bombe continuano a cadere sulle teste di medici e pazienti, nonostante l’Onu fornisca costantemente alla Russia, impegnata sul campo, le coordinate degli edifici. Circa 25 ospedali sono stati colpiti solo nell’ultimo mese e di nove di questi erano state fornite le coordinate alle Nazioni Unite che, a loro volta, le avevano girate a Mosca. Un lavoro inutile, spiegano i medici siriani che assistono le vittime dell’offensiva governativa su Idlib: “Molti nostri partner non forniranno più le coordinate alle Nazioni Unite perché non serve”, ha dichiarato all’Independent Mohamed Zahid di Physicians Across Continents, organizzazione medica che opera in Siria. “L’anno scorso sono stati attaccati sei ospedali – ha continuato -, mentre nell’ultimo mese altre otto strutture sono state colpite dopo aver fornito le proprie coordinate. Così la maggior parte delle ong in Siria ha deciso di smettere (di fornire la propria posizione, ndr)”.

L’offensiva su Idlib, che si è trasformata in una carneficina, con 270 civili uccisi e 300mila sfollati dall’inizio della battaglia, ha provocato anche la reazione del presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, che in un tweet ha scritto: “Gira voce che la Russia, la Siria e, in misura minore, l’Iran, stiano scatenando l’inferno nella provincia di Idlib, in Siria, e stiano uccidendo indiscriminatamente civili innocenti. Il mondo sta guardando questa macelleria. Qual è lo scopo, che cosa si pensa di ottenere? Stop!”.  Affermazioni a cui ha risposto il portavoce di Vladimir PutinDmitri Peskov, che ha dichiarato legittima l’azione militare russa e siriana a Idlib: “Non c’è bisogno di dire – ha affermato citato dall’agenzia russa Tass – che i bombardamenti effettuati dai terroristi di Idlib sono inaccettabili e che sono state adottate delle misure per neutralizzare le loro postazioni di fuoco”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Germania, ucciso il politico Cdu Walter Luebcke: durante la crisi del 2015 si batté per l’accoglienza dei migranti

next