“Siamo stufi delle parole, vogliamo i fatti”. A Legnano, in provincia di Milano, i lavoratori di uno dei 55 punti vendita Mercatone Uno sono tornati in strada. Da quando il tribunale di Milano ha decretato il fallimento della Shernon Holding, la società proprietaria, oltre 1800 dipendenti sono senza lavoro:  “Non siamo stati avvisati, lo abbiamo scoperto tramite alcuni gruppi Facebook alle dieci di sera” racconta Stefania mentre su uno striscione scrive con la bomboletta “vogliamo dignità, non carità”. Con due figli piccoli a carico, si è trovata dalla notte alla mattina senza occupazione e senza ammortizzatori sociali. “Chi doveva vigilare e sorvegliare la procedura di acquisizione della Shernon non lo ha fatto – racconta la segretaria Filcams Cgil di Legnano, Milena Padovani – Certamente negli ultimi mesi non hanno vigilato a sufficienza”. Una responsabilità che nei giorni scorsi Carlo Calenda e Luigi Di Maio hanno scaricato l’uno sull’altro. “È scandaloso vedere lo scaricabarile tra il ministro del Lavoro attuale e quello precedente, noi intanto non stiamo percependo un euro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I navigator non possono fare ciò per cui verranno assunti. Ma nessuno vuole saperne

prev
Articolo Successivo

Torino, operai sul tetto del grattacielo per protesta: “Abbiamo lavorato, ma non siamo stati pagati”

next