Alla vigilia del voto su Rousseau chiesto da Luigi Di Maio per chiedere agli iscritti penstastellati di rinnovare o meno la fiducia sul suo ruolo di capo politico, nel M5s c’è chi rilancia affinché l’Assemblea congiunta dei gruppi sia resa visibile a tutti: “Una diretta streaming dell’incontro? L’ho sempre chiesta, sempre stato favorevole, io sono per la massima trasparenza”, rilancia il presidente della commissione Antimafia Nicola Morra. Ma non è il solo. “Sarebbe bellissimo lo streaming”, si accoda pure la senatrice Elena Fattori. La stessa che guarda già oltre e sul voto su Rousseau su Di Maio rivendica: “Più che un voto sarà una ratifica, l’esito è scontato. Io non voterò“. Se il Presidente della Camera Roberto Fico non si espone su Di Maio precisando che “parlerà in Assemblea”, chi si dissocia dalla richiesta di streaming è invece il senatore Giovanni Endrizzi: “Non serve”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sblocca cantieri, Senato boccia questione pregiudiziale del Pd. Emendamenti di relatori e governo arrivano a rilento

next
Articolo Successivo

“Lega e Fratelli d’Italia senza Forza Italia sarebbero maggioranza in Parlamento”. Simulazione basata su voti alle Europee

next