Nonostante il bel tempo quest’anno si sia fatto attendere più del solito, l’estate è ormai alle porte: meglio quindi non farsi cogliere impreparati dall’aumento delle temperature che nelle settimane a venire investirà la nostra Penisola e cominciare a pensare a delle soluzioni per tenere sotto controllo il caldo in casa, come ad esempio l’applicazione di apposite schermature solari.

Un rimedio efficace al quale sono collegate interessanti agevolazioni fiscali: come riportato in un recente articolo di Immobiliare.it, in diversi casi è possibile infatti beneficiare dell’ecobonus con l’installazione delle tende da sole.

Prima di parlare di detrazioni fiscali è importante chiarire alcuni aspetti, come quello dei permessi edilizi.

Come chiarisce il Glossario delle opere di edilizia libera contenuto nel DM del 2 marzo 2018, non è necessario richiedere permessi particolari alle autorità locali per installare le tende da sole. Queste hanno una semplice funzione di arredo limitata nel tempo e possono quindi essere installate in totale libertà. Un’eccezione riguarda le cosiddette “pergotende”, per le quali non esiste una definizione univoca: dato che sono chiuse su tutti i lati, alcune amministrazioni comunali potrebbero assimilarle a vere e proprie verande.

Dallo scorso anno è previsto il rimborso del 50% delle spese sostenute per l’acquisto e la posa di schermature solari, a patto che esse soddisfino due requisiti: devono essere applicate con l’involucro edilizio e non devono essere smontabili liberamente dal proprietario; possono essere poste sia all’interno che all’esterno di una superficie vetrata, ma in entrambi i casi devono essere mobili.

Per quanto riguarda i modelli in commercio, le tende possono rispondere a molteplici esigenze. Tra le più diffuse ci sono quelle a bracci estensibili da fissare al muro o al soffitto: le versioni più moderne sono dotate di sensori per chiudersi quanto il vento è troppo forte. Ci sono poi le tende a caduta, costituite da un telo che si srotola verticalmente e che può anche assolvere alla funzione di tapparella o porta. Per le superfici più ampie o irregolari la scelta migliore è quella di affidarsi alle tende a vela, utilizzate soprattutto da chi vive in zone ventose. Oltre al vento, un’altra preoccupazione per chi installa le tende è la pioggia: ecco allora che in commercio esistono tende abbassabili solo da un lato per garantire lo scolo dell’acqua.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dichiarazione dei redditi: cosa c’è da sapere in materia di casa

next
Articolo Successivo

Mercato dei box auto: fuori dalla crisi, ma la ripresa è lontana

next