Botte, minacce e insulti ai suoi alunni, bambini tra i 5 e i 7 anni. Per questo motivo un’insegnante di una scuola primaria della provincia di Lamezia Terme, sottoposta a videosorveglianza dai carabinieri dopo la denuncia del preside, è finita ai domiciliari con l’accusa di maltrattamenti su minori. Atteggiamenti “scomposti”. Erano stati definiti inizialmente così, da alcuni genitori, i comportamenti della maestra. Forse racconti, fantasie di bambini che, però, hanno destato più di qualche preoccupazione nei genitori che, trovando nei racconti dei propri figli un filo comune, si sono rivolti al dirigente scolastico il quale, a sua volta, non ha esitato a contattare i Carabinieri per le verifiche del caso.

È iniziata così, sotto la direzione della procura di Lamezia Terme, l’attività di videosorveglianza delle aule in cui insegnava la maestra che ha permesso di documentare i maltrattamenti. Prima uno schiaffo, poi un secondo: “Smettila di urlare che ti faccio il muso a sangue”. Parole, azioni, quelle testimoniate dalla visione e dall’ascolto dei filmati, che seppur non così gravi da cagionare lesioni nei bambini, “travalicavano sicuramente quell’idea di animus corrigendi“. I militari, in particolare, hanno registrato numerosi episodi in cui l’insegnante, oltre ad adottare ripetutamente mezzi di correzione fisica, si lasciava andare ad espressioni gratuitamente denigratorie nei confronti dei piccoli a lei affidati. “Porco maiale, sono stanca, dovete stare divisi, ognuno nel suo recinto”. Insomma, a quanto emerso dalle indagini nel metodo di insegnamento adottato dalla maestra trovavano sistematicamente posto minacce, ingiurie e violenze. Un quadro che ha portato la Procura a richiedere l’applicazione della misura cautelare emessa dal Tribunale di Lamezia Terme, in ottemperanza della quale la donna è stata questa mattina arrestata e posta ai domiciliari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cusano Milanino, uomo accoltellato dopo una lite con il nuovo compagno dell’ex fidanzata: muore in ospedale

prev
Articolo Successivo

Cusano Milanino, muore dopo essere stato accoltellato dal compagno della ex. Fermato 37enne

next