A Torino, i giovani della comunità musulmana hanno lanciato il primo ramadan “green” d’Italia. Nelle moschee Taiba e Rayan, durante tutto il mese di Ramadan, la cena di rottura del digiuno verrà servita con piatti e bicchieri biodegradabili e non di plastica: “Ogni anno venivano utilizzati 46mila bicchieri di plastica monouso – racconta Halima Rakiki, Giovani PSM – così abbiamo chiesto alla nostra comunità di provare a cambiare questa abitudine e di iniziare ad utilizzare stoviglie biodegradibili”.

Un cambiamento che ha comportato un raddoppio dei costi, ma che è stato accolto con “grande entusiasmo” come racconta Brahim Baya, associazione Islamica delle Alpi: “L’ambiente vale infatti molto di più di questi soldi che abbiamo speso per eliminare la plastica che è uno delle fonti maggiori di inquinamento a livello mondiale”. L’iniziativa dei giovani musulmani torinesi non si limita solo a questo aspetto. In questi giorni è partita una raccolta fondi per la piantumazione di nuovi alberi nel Parco Dora, il luogo dove da diversi anni si celebra la preghiera comunitaria di fine Ramadan e del Sacrificio: “Vogliamo contribuire a rendere bella e sempre più verde la nostra comunità”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Vaccini obbligatori, figli non in regola con il morbillo: genitori multati nel Riminese

prev
Articolo Successivo

Cosenza, detenuto evade dal carcere. Dopo la caccia all’uomo, l’arresto grazie alla segnalazione di un cittadino

next