Mentre Matteo Salvini era a Carpi, in provincia di Modena, per un comizio, due giovani con cartelloni di protesta contro il leader della Lega sono stati fermati dalla digos. Gli striscioni recitavano due passi di una canzone di Caparezza (“Non siete STATO voi che siete uomini di polso, forse perché circondati da una manica di idioti”) e una di Fabrizio De André (“Per quanto voi vi crediate assolti, siete lo stesso coinvolti”). “Perché chiedete i documenti a noi? Non siamo in uno Stato di polizia” si è lamentata la ragazza. Alla fine, come si vede nel video, i cartelloni sono stati sequestrati.

Video Facebook

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Di Maio-Salvini, altro giorno di scontri: “Autonomia? Così spacca in due l’Italia”. “Pensi ai morti sul lavoro”. “Inumano”

prev
Articolo Successivo

Radio Radicale, Giachetti: “Inizio sciopero sete. Mi appello a Salvini e a Di Maio, al quale mi lega un’amicizia personale”

next