Mentre Matteo Salvini era a Carpi, in provincia di Modena, per un comizio, due giovani con cartelloni di protesta contro il leader della Lega sono stati fermati dalla digos. Gli striscioni recitavano due passi di una canzone di Caparezza (“Non siete STATO voi che siete uomini di polso, forse perché circondati da una manica di idioti”) e una di Fabrizio De André (“Per quanto voi vi crediate assolti, siete lo stesso coinvolti”). “Perché chiedete i documenti a noi? Non siamo in uno Stato di polizia” si è lamentata la ragazza. Alla fine, come si vede nel video, i cartelloni sono stati sequestrati.

Video Facebook

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Di Maio-Salvini, altro giorno di scontri: “Autonomia? Così spacca in due l’Italia”. “Pensi ai morti sul lavoro”. “Inumano”

next