“Spero che le persone si facciano una bella risata. Certo, le campagne elettorali sono serie, e ci sono questioni serie in discussione, ma deve esserci anche un po’ di umorismo. Probabilmente molti cittadini sono stanchi dei manifesti elettorali e quattro settimane sono stati sommersi da messaggi politici”. Joachim B. Olsen, ex pesista olimpico 41enne e dal 2011 parlamentare per Alleanza Liberale in Danimarca, ha deciso di pubblicare un’inserzione per sponsorizzare la sua candidatura su PornHub. Un annuncio in vista delle politiche che si terranno il prossimo 5 giugno. “Bisogna andare dappertutto, quindi abbiamo pensato che sarebbe stato divertente andare anche su PornHub” ha spiegato il candidato in un’intervista alla Danish Broadcasting Corporation (DR). Olsen, che ha specificato come il 95% della sua campagna sia “seria”, ha infatti ricordato che “metà di internet è fatta di porno. E tu devi essere dove sono gli elettori“, quindi “anche su un sito porno”. Olsen ha partecipato alle Olimpiadi di Pechino nel 2008 nella specialità del lancio del peso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conflitto d’interessi, Fattori (M5s): “Valga anche per Davide Casaleggio, è il fondatore del nuovo movimento con Di Maio”

prev
Articolo Successivo

Iraq, gli Usa evacuano il personale “non essenziale” delle ambasciate a Baghdad ed Erbil. Timore per attacchi iraniani

next