Non solo il caso Catiuscia Marini non è ancora chiuso, ma il Partito democratico neppure riesce a mettersi d’accordo sul passo indietro della presidente dimissionaria della Regione Umbria. E, di fatto, le lascia ancora tempo. Coinvolta nell’inchiesta che ha travolto la sanità regionale e nonostante uno dei suoi assessori sia finito agli arresti domiciliari, i democratici stanno valutando l’ipotesi di salvarla ancora. Il regista è naturalmente il Pd umbro che non ha nessuna intenzione di tornare a casa e sta cercando la strategia migliore per riuscire a salvare la poltrona. Dall’altra parte i vertici nazionali esitano dal prendere una posizione netta. Oggi c’è stato un incontro che avrebbe dovuto essere decisivo tra i vertici del partito e il capogruppo regionale umbro Gianfranco Chiacchieroni. E proprio quest’ultimo, al termine del colloquio ha commentato con l’Ansa: “E’ emerso un giudizio positivo sull’operato della presidente. Dovremo decidere noi ora su come procedere”. Poi poco dopo ha specificato: “Abbiamo parlato dell’apporto che può portare il Pd alla soluzione della crisi. Non è stato invece fatto riferimento in maniera specifica alla presidente”. Alla riunione, durata circa due ore e mezza, hanno partecipato, oltre a Chiacchieroni, il vicesegretario del Pd Andrea Orlando, il commissario umbro del partito Walter Verini (deputato), il vicepresidente della Giunta regionale Fabio Paparelli e la presidente dell’Assemblea legislativa Donatella Porzi.

Il partito ha quindi lasciato libertà di movimento ai suoi in regione. Eppure era stata la stessa Marini, nei giorni successivi allo scandalo, ad annunciare le dimissioni. Ma non solo: proprio lei si è presentata la settimana scorsa in consiglio regionale per leggere il discorso del suo passo indietro. Per non parlare del segretario Nicola Zingaretti che già l’aveva data per dimessa e a casa, senza possibilità di appello, parlando con i giornalisti. Il piano è saltato dopo che lo stesso Chiacchieroni ha firmato una mozione per rimandare il voto sulle dimissioni in consiglio: “Serve altro tempo per riflettere”, era stata la motivazione. Ovvero il Pd umbro ha iniziato la corsa per riuscire a trovare una via d’uscita allo scandalo senza per forza far decadere tutta la giunta. Un’acrobazia difficile da spiegare agli elettori, ma che potrebbe ancora essere possibile.

Il voto dell’assemblea regionale umbra è previsto per sabato 18 maggio. Secondo la versione di Chiacchieroni ancora tutto è possibile: “Abbiamo condiviso la preoccupazione per il momento, ma anche la possibilità di esprimere un voto favorevole sulla fiducia alla presidente. Ci prendiamo qualche ora per discutere ancora e fare una valutazione serena. Poi dovrà essere il gruppo del Pd in Assemblea legislativa a dover decidere”. Il partito ha fatto trapelare una posizione più fredda, ma nessuno ha preso posizione in una direzione o nell’altra. Secondo fonti del partito, “se il gruppo regionale, peraltro non compatto, pensava di trovare a Roma una sponda per continuare a governare l’Umbria, non l’ha trovata. Ma si può cercare un percorso il più possibile condiviso per non rinnegare le cose positive dell’esperienza amministrativa e allo stesso tempo chiudere questa pagina per portare la Regione al voto anticipato in autunno”.

Parole morbide sono arrivare anche dal commissario umbro del partito Verini. Che ha diffuso una nota al termine del vertice in cui chiede di non minimizzare la situazione, ma non pronuncia mai la parola dimissioni. “L’incontro”, si legge, “si è svolto in un clima responsabile e costruttivo, nella comune consapevolezza di dover dare uno sbocco ad una situazione difficile, che ha provocato una grave ferita all’istituzione regionale e al Pd dell’Umbria. Dalla riunione con Orlando è emersa la necessità di valorizzare i risultati e le conquiste dell’azione di governo del centrosinistra in questi anni e, in generale, nella storia della regione e delle autonomie locali dell’Umbria. Questo, naturalmente, senza minimizzare il grave giudizio politico su quanto avvenuto in ambiti del sistema sanitario-amministrativo”. Quindi si parla ancora della necessità che il Pd umbro faccia le sue riflessioni: “Nel corso dell’incontro l’orientamento su cui il gruppo consiliare farà le sue riflessioni è stato quello di tenere conto del gesto che la presidente Marini ha compiuto a tutela delle istituzioni e conseguentemente della necessità di voltare nel migliore dei modi e nella piena condivisione una pagina difficile, ma dalla quale certamente il centrosinistra e il Pd sapranno uscire a testa alta, per costruire una nuova fase della vita della Regione”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sblocca cantieri, Cantone: “Dentro ci sono norme pericolose. Più che a fare bene si pensa a fare comunque”

prev
Articolo Successivo

Voto di scambio è legge, Forza Italia e Pd hanno votato contro. Il vicepremier Di Maio: “Questa norma era un dovere”

next