Il sindaco di Cosenza Mario Occhiuto (Fi)- indagato nell’inchiesta sugli appalti pubblici chiusa due giorni fa dalla procura di Catanzaro –  ha ricevuto un avviso conclusione indagini per bancarotta fraudolenta in relazione al fallimento di una società di cui era amministratore.

Secondo l’accusa, dalla società oggetto di indagine, la Ofin srl, fallita nel 2014, sarebbero state distratte a più riprese somme per un totale di oltre tre milioni di euro. Le indagini sono state condotte dal Nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di finanza di Cosenza, coordinate dalla Procura. Il primo cittadino è accusato dalla Procura di Cosenza di avere distratto dal capitale della società i soldi destinandoli all’aumento di capitale di altre due aziende.

Nell’inchiesta sono indagati anche Carmine Potestio, socio della Ofin e, in passato, capo di gabinetto di Occhiuto al Comune, e la sorella del sindaco Annunziata, in qualità di amministratore e legale rappresentante della società da settembre a ottobre 2014, data del fallimento. Occhiuto è ritenuto responsabile anche della distrazione di alcuni immobili della Ofin, di cui avrebbe ceduto il contratto di leasing ad altre società a lui riconducibili senza alcun corrispettivo. “Sono sereno però resto perplesso, visto che dallo scorso 13 aprile, quando a Lamezia ho annunciato la mia candidatura a governatore della Calabria, ho ricevuto – dichiara Occhiuto – alcune notifiche giudiziarie, una dietro l’altra. Sarà una coincidenza, ma la mia perplessità riguarda la tempistica”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, titolare della Lamina patteggia un anno e 10 mesi per morte di 4 operai in azienda. Risarcite famiglie: 4,5 milioni

next
Articolo Successivo

Torino, archiviata indagine su Casapound e Forza Nuova: sulla base del materiale raccolto, non violano la legge Scelba

next