“Privé e consolle, c’ho mezza Forza Italia. Ho tutti i numeri uno di Varese, stasera faccio un figurone”, “possiamo arrivare a 90mila euro, ma non facciamo meno di 70mila”. Sono alcune delle intercettazioni registrate e diffuse dai carabinieri di Monza e Brianza sugli affari tra politici e imprenditori nell’inchiesta che ha portato all’esecuzione di 43 ordinanze di custodia cautelare per associazione a delinquere aggravata dall’aver favorito una cosca mafiosa, abuso d’ufficio, finanziamento illecito ai partiti e corruzione per spartirsi e aggiudicarsi appalti pubblici. Tra le persone coinvolte anche Pietro Tatarella e Fabio Altitonante di Forza Italia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tangenti a Milano, la conferenza stampa in Procura con Francesco Greco e Alessandra Dolci: segui la diretta

prev
Articolo Successivo

Taranto, accusato di abusi su una bambina di 10 anni: arrestato domestico cingalese di 54 anni

next