“Le province sono uno spreco, è inutile ammalarsi di amarcord per farle ritornare. Chi le vuole si trovi un altro alleato“. Così il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maionel corso della presentazione del programma europeo del M5s. “Se un sottosegretario è indagato, che sia del Movimento o di un altro partito, noi non arretriamo. Le regole si rispettano” ha aggiunto riferendosi alla vicenda di Armando Siri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Salario minimo, Di Maio: “È nel contratto di governo ma anche nei programmi di Lega e Pd. Perché non lo votano?”

next
Articolo Successivo

Europee, Di Maio: “Negli anni parcheggio di trombati della politica”. Poi l’appello: “Bisogna votare per cambiare le cose”

next