“Le province sono uno spreco, è inutile ammalarsi di amarcord per farle ritornare. Chi le vuole si trovi un altro alleato“. Così il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maionel corso della presentazione del programma europeo del M5s. “Se un sottosegretario è indagato, che sia del Movimento o di un altro partito, noi non arretriamo. Le regole si rispettano” ha aggiunto riferendosi alla vicenda di Armando Siri.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salario minimo, Di Maio: “È nel contratto di governo ma anche nei programmi di Lega e Pd. Perché non lo votano?”

next
Articolo Successivo

Europee, Di Maio: “Negli anni parcheggio di trombati della politica”. Poi l’appello: “Bisogna votare per cambiare le cose”

next