“Siamo i braccianti metropolitani”. Angelo è uno dei rider di Deliverance Milano che questo pomeriggio ha manifestato di fronte alla sede di Glovo. Per scioperare si sono disconnessi dall’App e oggi non effettueranno consegne per chiedere maggiori diritti e tutele: “Il governo ha già dimostrato di aver tradito le aspettative dei lavoratori facendo finta di aderie alla nostra causa per fare marketing politico”. Due giorni fa il ministro per il Lavoro Luigi Di Maio ha annunciato che la norma sui rider è pronta e sarà inserita nella legge sul salario minimo in discussione al Senato. Il tema si è arenato da mesi. “La norma che stiamo per approvare ha l’obiettivo di tutelare lavoratori il cui stipendio dipende da un algoritmo e che non hanno tutele minime” ha detto Di Maio

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, Salvini ironico al comizio: “Non parlo di Raggi sennò qualcuno si offende, a Roma non ci sono né topi né buche”

next
Articolo Successivo

Calabria, San Luca al voto dopo 6 anni: “Elezioni inutili tanto poi sciolgono il comune. ‘Ndrangheta qui? Non ci risulta”

next