Munizioni e un sospetto pacco bomba nascoste in un immobile abbandonato hanno portato all’arresto di un 33enne a Christchurch, la città della Nuova Zelanda dove il 15 marzo il suprematista bianco, Brenton Tarrant, ha aperto il fuoco in una moschea uccidendo 50 persone. La polizia locale è intervenuta dopo una segnalazione, ma non hanno ancora reso noto se ritengono che il provvedimento sia collegato alla strage del 15 marzo.

Un portavoce della polizia ha dichiarato che un cordone di sicurezza è stato disposto nel quartiere residenziale di Phillipstown, dove sono stati inviati gli artificieri. Le case nelle strade vicino sono state inoltre evacuate per precauzione. Poco dopo le 18 locali (le 8 in Italia) una squadra di artificieri militari avrebbe messo in sicurezza il pacco sospetto. L’area è stata evacuata ed è stata disposta una no-fly zone per evitare pericoli, ricordando che il killer delle moschee venne trovato con armi e due esplosivi artigianali nella sua auto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giappone, l’imperatore Akihito lascia il trono: è la prima abdicazione in 200 anni

next