Al culmine di una delle tante discussioni per futili motivi, ha colpito il padre con una pietra ornamentale e, dopo averlo tramortito, lo ha soffocato con un cuscino. Così Stefano Castellari, 46 anni, ha ucciso il padre 79enne. Il figlio viveva insieme ai genitori, entrambi in pensione, in un condominio del quartiere Varignano di Viareggio. L’uomo ha confessato l’omicidio ai poliziotti, arrivati a casa dopo una segnalazione. Arrestato per omicidio è stato poi portato al carcere di Lucca.

Nell’appartamento la polizia scientifica ha eseguito i rilievi sotto le indicazioni del pm di turno della procura di Lucca. La polizia sta continuando gli accertamenti per arrivare a una ricostruzione dettagliata dell’evento, anche per chiarirne i motivi scatenanti, che ancora restano piuttosto vaghi. La famiglia, composta da otto figli, è molto conosciuta nel quartiere. Il padre era un pediatra neonatologo. La madre, insegnante di catechismo della parrocchia, era malata da tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pensionato torturato a Manduria, il procuratore di Taranto: “Indagheremo anche sui silenzi”

next