Andrea Pulone, il 29enne che il 26 aprile ha sparato a un 16enne durante un tentativo di furto nella sua abitazione a Monterotondo, è sotto inchiesta per eccesso colposo di legittima difesa. La procura di Tivoli ha deciso di iscriverlo nel registro degli indagati a tre giorni dal pomeriggio in cui ha aperto il fuoco.

“Siamo in presenza di un atto dovuto e compiuto a tutela dell’indagato – spiega il procuratore capo Francesco Menditto – La nostra attività punta anche ad individuare gli altri autori del tentato furto. Pochi minuti fa ho avuto notizia che il giovane ferito è stato trasferito dalla terapia intensiva al reparto e questa è senza dubbio una buona notizia”. Mendito aveva ricordato nelle scorse ore che l’eventuale iscrizione non sarebbe stata “influenzata dalla nuova norma sulla legittima difesa che, tra l’altro, non è ancora entrata in vigore”.

In base a quanto si apprende gli inquirenti, sempre nella giornata di oggi, sono state disposte una serie di consulenze tecniche al fine di ricostruire la dinamica dei fatti. Non è escluso che l’indagato possa essere ascoltato nei prossimi giorni. Domenica per Pulone era stata disposta la vigilanza 24 ore su 24 in attesa di identificare i presunti complici del giovane ferito. Sempre domenica, i carabinieri avevano consegnato ai magistrati l’informativa sul tentativo di furto nell’abitazione terminato con la sparatoria.

Il ragazzo era nell’abitazione in compagnia della fidanzata quando ha raccontato di aver sentito i rumori al piano inferiore e quindi di essere sceso armato della sua pistola, regolarmente detenuta, sparando diversi colpi per mettere in fuga i malviventi, di cui uno ha ferito un 16enne di origini albanesi. Pulone, si è appreso oggi, risulta candidato nella lista civica “Voglio vivere così” che appoggerà il candidato sindaco di centrosinistra Riccardo Varone (Pd) alle prossime elezioni comunali a Monterotondo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Manduria, anziano vittima della baby-gang: fermati 8 ragazzi per tortura e sequestro di persona. Sei sono minori

next