Applausi ma anche contestazioni per la sindaca di Roma, Virginia Raggi, salita sul palco dell’Anpi a Porta San Paolo per intervenire sul 25 aprile. Il presidente dell’Anpi, Fabrizio De Sanctis, l’ha presentata così: “È molto importante la presenza della sindaca che rappresenta le istituzioni nate dalla Resistenza”. Oltre agli applausi, diversi manifestanti hanno contestato la prima cittadina dicendo “buffona” o “i luoghi delle donne non si toccano” in riferimento alla controversia sulla Casa Internazionale delle donne e sulla Lucha y Siesta, a rischio chiusura rispettivamente per debiti con il Comune e politiche di dismissione di beni dell’Atac. “A tutti buon 25 aprile, a tutti”, ha detto la sindaca ricordando coloro che “hanno dato la vita perché noi potessimo esprimere le nostre idee, come alcuni di voi – ha aggiunto rivolgendosi ai contestatori – stanno facendo”. Quando la sindaca ha lasciato la piazza, un uomo le ha gridato: “devi sgomberare Casapound“. Un’altra cittadina è intervenuta invece in difesa della sindaca affermando: “Lo ha chiesto lo sgombero, ma non lo autorizzano. Ignorante!”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

25 aprile, migliaia in corteo a Milano: sfilano anche Zingaretti e Sala. Raggi a Roma con l’Anpi accolta da applausi e fischi

prev
Articolo Successivo

Siri, l’intercettazione fantasma citata da Salvini non c’entra: la presunta mazzetta da 30mila euro è nel capo d’imputazione

next