Nell’episodio precedente di “Transamazonica”, Reza Pakravan e Pip Stewart avevano incontrato la tribù Munduruku e partecipato a una cerimonia annuale della raccolta del pesce. Sulla via del ritorno si erano imbattuti in una chiatta per l’estrazione dell’oro e avevano deciso di salire a bordo nonostante le guardie armate. “Siamo ospiti chiaramente sgraditi”, spiega Reza che comincia a parlare con il capo della chiatta, Josè. L’uomo, subito sulla difensiva, mostra dei documenti che attesterebbero il suo diritto a stare in territorio indigeno. Dopo molte discussioni, si arriverà a un accordo: la chiatta verrà smontata e Josè pagherà 200 litri di benzina alla tribù come risarcimento. Di nuovo in viaggio, Reza e Pip si spostano dal Para all’Amazzonia, verso Apui. “Più avanziamo lungo la Transamazonica, più ci accorgiamo della distruzione ambientale che ha causato la sua costruzione – spiega Pip – Gli allevatori abbattono e bruciano legname per far spazio ai pascoli che, nel giro di pochi anni, diventeranno inutilizzabili”. Giunti ad Apui i due ciclisti si ritrovano in una città che sembra assomigliare più a un luogo del Texas che all’Amazzonia: una terra di cowboys e rodei. Il proprietario di un ranch in cui fanno visita spiega di essere lì da 40 anni: “Prima c’era solo foresta vergine. Da un anno all’altro abbiamo tagliato gli alberi, fatto crescere l’erba e portato gli animali”, spiega l’allevatore. Dopo una lezione di frusta e corno, i due strumenti che le regine dei rodei devono saper usare, Reza e Pip si rimettono in marcia per attraversare la riserva indigena del Tamari e arrivare a Humaità. Lì un incontro inaspettato sconvolge i loro piani: è l’incontro con Marcus, lavoratore alla Icm bio dove è specializzato nella cura dei caimani. “Se siamo fortunati, siamo in tempo per l’inizio della caccia ai caimani – racconta Pip – con la quale provano a regolare il numero di caimani in modo sostenibile per poi usarne la carne, la pelle e tutto il resto”. Reza e Pip non possono esimersi dal partecipare a una caccia notturna.

“Transamazonica” (6 episodi x 25 minuti) è disponibile in esclusiva su sito e app di Loft per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che il caso Siri e il caso Raggi sono paragonabili?

next
Articolo Successivo

“La voce di Fantozzi”, su Loft il docufilm sul genio di Paolo Villaggio con materiale originale e inedito

next