Nell’episodio precedente di “Transamazonica”, Reza Pakravan e Pip Stewart avevano incontrato la tribù Munduruku e partecipato a una cerimonia annuale della raccolta del pesce. Sulla via del ritorno si erano imbattuti in una chiatta per l’estrazione dell’oro e avevano deciso di salire a bordo nonostante le guardie armate. “Siamo ospiti chiaramente sgraditi”, spiega Reza che comincia a parlare con il capo della chiatta, Josè. L’uomo, subito sulla difensiva, mostra dei documenti che attesterebbero il suo diritto a stare in territorio indigeno. Dopo molte discussioni, si arriverà a un accordo: la chiatta verrà smontata e Josè pagherà 200 litri di benzina alla tribù come risarcimento. Di nuovo in viaggio, Reza e Pip si spostano dal Para all’Amazzonia, verso Apui. “Più avanziamo lungo la Transamazonica, più ci accorgiamo della distruzione ambientale che ha causato la sua costruzione – spiega Pip – Gli allevatori abbattono e bruciano legname per far spazio ai pascoli che, nel giro di pochi anni, diventeranno inutilizzabili”. Giunti ad Apui i due ciclisti si ritrovano in una città che sembra assomigliare più a un luogo del Texas che all’Amazzonia: una terra di cowboys e rodei. Il proprietario di un ranch in cui fanno visita spiega di essere lì da 40 anni: “Prima c’era solo foresta vergine. Da un anno all’altro abbiamo tagliato gli alberi, fatto crescere l’erba e portato gli animali”, spiega l’allevatore. Dopo una lezione di frusta e corno, i due strumenti che le regine dei rodei devono saper usare, Reza e Pip si rimettono in marcia per attraversare la riserva indigena del Tamari e arrivare a Humaità. Lì un incontro inaspettato sconvolge i loro piani: è l’incontro con Marcus, lavoratore alla Icm bio dove è specializzato nella cura dei caimani. “Se siamo fortunati, siamo in tempo per l’inizio della caccia ai caimani – racconta Pip – con la quale provano a regolare il numero di caimani in modo sostenibile per poi usarne la carne, la pelle e tutto il resto”. Reza e Pip non possono esimersi dal partecipare a una caccia notturna.

“Transamazonica” (6 episodi x 25 minuti) è disponibile in esclusiva su sito e app di Loft per gli abbonati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: è vero che il caso Siri e il caso Raggi sono paragonabili?

prev
Articolo Successivo

“La voce di Fantozzi”, su Loft il docufilm sul genio di Paolo Villaggio con materiale originale e inedito

next