Andrea Vergani, uno dei talenti emergenti del nuoto italiano, è risultato positivo al Thc, metabolita della cannabis, in un controllo fatto da Nado Italia durante i recenti campionati tricolori assoluti di Riccione. Per questo è stato sospeso in via cautelativa con effetto immediato dal Tribunale nazionale antidoping.

Il nuotatore azzurro – che era stato sottopost al test antidoping il 2 aprile – ha conquistato la medaglia di bronzo nella 4×50 in vasca corta nei mondiali di Hangzhou del 2018 e detiene il miglior tempo del 2019 sui 50 metri stile libero. Rischia dai 4 ai 6 mesi di squalifica: potrebbe saltare il mondiale in Corea del Sud, in programma dal 12 al 28 luglio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Juventus eliminata, dopo il triplice fischio Ronaldo si rivolge ai compagni in panchina. E il suo gesto fa discutere

prev
Articolo Successivo

Migranti, Guardiola si presenta in conferenza stampa con la felpa dell’ong Open Arms: “Amo quello che fanno”

next