Un cane esausto, trovato a nuotare a 135 miglia (circa 220 chilometri) al largo della costa thailandese, è stato salvato da un operaio di una piattaforma petrolifera, che ora ha promesso di adottarlo. Il cane, di colore marrone, chiamato Boonrod dai suoi soccorritori – che in thailandese significa ‘sopravvissuto al karma’ – è stato ‘pescato’ venerdì scorso dagli operai che hanno notato la sua testa oscillare tra le onde nel Golfo di Thailandia. Nessun indizio su come fosse arrivato lì, o per quanto tempo fosse stato in mare, ma i media locali hanno ipotizzato che potrebbe essere caduto da un peschereccio e aver nuotato verso la piattaforma. Boonrod si sta riprendendo nella provincia di Songkhla, grazia anche alle cure di un veterinario, ha riferito all’AFP un’associazione thailandese per la tutela degli animali. mad

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il baby ippopotamo contro tutti: prima scaccia i coccodrilli, poi se la prende con il bufalo. E va a finire così

prev
Articolo Successivo

Occhi azzurri e manto maculato. Si chiama Keyra ed è il primo cucciolo di gattopardo nato in un parco in Italia

next