Più “impegno” e “chiarezza nella selezione della nostra classe dirigente”, perché “il potere si deve gestire per servire le persone, questo è il punto. E non deve essere messo al servizio di chi lo gestisce”. In una lettera pubblicata da Repubblica e rivolta a Eugenio Scalfari, il segretario del Partito democratico, Nicola Zingaretti, elenca i cardini di quella che “sarà la nostra vera prima rivoluzione”, dopo un’altra inchiesta giudiziaria che ha portato all’arresto dell’ex sottosegretario del Pd Giampiero Bocci e dell’assessore alla Sanità dell’Umbria, Luca Barberini, e all’iscrizione nel registro degli indagati anche della governatrice dem della Regione, Catiuscia Marini.

“La ringrazio per la sollecitazione ad essere vigili e severi sul tema delle inchieste giudiziarie. Ha ragione, ce l’ho ben chiaro e questo sarà uno dei punti più importanti che imporrò al nuovo Pd che dobbiamo costruire”, scrive Zingaretti rispondendo a Scalfari. Per rispondere a questa esigenza, secondo il segretario democratico, serve appunto una migliore selezione della classe dirigente che metta al potere che lo gestisce per servire le persone e non per se stesso: “Non deve essere la magistratura a definire questo confine, ma è la politica rinnovata che bonifica e rende chiara questa distinzione. E tutto ciò avviene in primo luogo con la selezione della classe politica e con le regole di funzionamento interno delle forze politiche”, sostiene Zingaretti.

“La magistratura ha il compito di intervenire per sradicare ogni forma di illegalità, naturalmente preservando le garanzie degli imputati e assumendo, insieme a noi tutti, la regola della presunzione di innocenza“, sottolinea il segretario Pd. “Questo  – prosegue – deve valere sia per noi che per le indagini che vedono coinvolti esponenti dei 5 Stelle o della Lega, partito quest’ultimo sul quale spesso si affacciano inquietanti scenari proprio sulle forme di finanziamento”. “Poi però – afferma Zingaretti – spetta alla Politica, con la P maiuscola, intervenire”.

“Il nuovo Pd che guido da poco più di un mese, farà di questo impianto culturale e di governo il discrimine assoluto della sua identità. Sarà la nostra vera prima rivoluzione”, promette in chiusura Zingaretti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Non è l’Arena, Briatore critico sul governo: “Le cose sono peggiorate. Livelli minimi di rispettabilità internazionale”

next
Articolo Successivo

Migranti, Salvini di nuovo indagato per sequestro di persona. Lui: “C’è anche la contestuale richiesta di archiviazione”

next