“Vogliamo essere il primo gruppo, non vogliamo partecipare, vogliamo vincere”. Matteo Salvini lancia da Milano la campagna per le Europee insieme ai tedeschi dell’Afd, ai finlandesi del Finnis Party e ai danesi del Dansk Folkeparti. Punto centrale del programma sarà la difesa dei confini dell’Unione Europea: “Dobbiamo rafforzare i confini esterni e interni dell’Unione – dichiara Olli Kotro, del Finns Party finlandese – Schengen ha fallito e ha permesso ai migranti di abusare del nostro sistema”. Una visione condivisa da Jörg Meuthen, Alternative für Deutschland, che respinge le accuse di antisemitismo: “Nel nostro partito non c’è spazio per l’antisemitismo e il nazismo”. Il tedesco dell’Afd vedrebbe bene Salvini come presidente della Commissione europea: “Ma so che ha un lavoro da proseguire qui in Italia”. L’Italia è vista come un modello anche dal danese Anders Vistisen, Dansk Folkeparti: “Se non fosse per Salvini che ha chiuso i porti alle Ong e Orban che ha chiuso i confini esterni, in Europa non ci  sarebbe stato un calo degli arrivi degli immigrati irregolari”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Elezioni europee, l’annuncio di Zingaretti: “Ex procuratore antimafia Roberti capolista nella circoscrizione Sud”

prev
Articolo Successivo

Friuli Venezia Giulia, come usare le Foibe per fare propaganda (e censurare me)

next