Continua verso ovest l’avanzata di Khalifa Haftar, il generale del governo di Tobruk che controlla la parte orientale della Libia ed è a capo dell’Esercito nazionale libico (Lna). Ma la marcia delle sue truppe – che, anche se in un flusso di notizie contraddittorie, hanno annunciato di essere a pochi chilometri dalla capitale – ha spinto l’Eni a evacuare in via “precauzionale” e in accordo con la Farnesina tutto il suo personale nel paese nordafricano. Eni è presente a Tripoli, nel giacimento di Wafa – dove però ha specificato di non avere “attualmente personale presente” – in Tripolitania, e in quello di El Feel, a sud. L’evacuazione del personale italiano della compagnia petrolifera è avvenuta in raccordo con la Farnesina e il gruppo petrolifero italiano ha fatto sapere che “la situazione nei campi è sotto controllo e stiamo monitorando l’evolversi della situazione con molta attenzione”. Intanto, se ieri le milizie dell’uomo forte di Bengasi riferivano di essere a venti chilometri dalla capitale, nel pomeriggio sono stati segnalati anche ad Ain Zara, un quartiere sud-orientale di Tripoli a 12 chilometri in linea d’aria dal centro sul lungomare della città, gli scontri tra forze del generale Kahlifa Haftar e milizie che difendono il premier Fayez al Sarraj.  Si tratta del punto più vicino alla centralissima Piazza dei Martiri finora menzionato nella descrizione degli scontri.

Il fronte interno – Al momento le notizie sull’avanzata e i suoi sviluppi sono confuse. Gli uomini di Haftar, secondo alcuni media locali, hanno ripreso nella notte il controllo della Porta 27, ad ovest di Tripoli, ieri nelle mani delle forze del governo di Al Serraj, riconosciuto dalla comunità internazionale. Libyan Express scrive invece che le truppe del generale dopo scontri con le forze fedeli al consiglio presidenziale libico, si sono ritirate da al-Aziziya, località alle porte di Tripoli, verso Gharian, più a sud, dove erano entrati giovedì senza combattere. Entrambe le parti in conflitto hanno poi dichiarato di avere preso possesso dell’aeroporto, che è chiuso dal 2014. Intanto in un video rilanciato da Al Marsad, il comandante delle Benghazi Defence Brigades (BDB), Mustapha Sherkesi, annuncia di essere pronto a sfidare le forze di Haftar nella regione occidentale e invita i giovani che combattono per Haftar ad abbandonare le armi. Alcune fonti pro-Haftar, non confermate, riportano di raid aerei su postazioni Lna a Mezda e Jandouba, danno notizia del lancio della seconda fase della “liberazione di Tripoli” da parte delle forze armate di Haftar, che è sostenuto da Egitto e Russia. Finora, ha detto il portavoce delle forze Lna Ahmed al-Mismari, nell’operazione per “liberare Tripoli dai terroristi” sono morti 14 soldati dell’autoproclamato Esercito nazionale libico che controlla, ha precisato, l’aeroporto internazionale di Tripoli. Al Mismari ha poi aggiunto che si è deciso di non usare l’aviazione per “proteggere” i civili.

Moavero: “Concordanza di vedute sulla Libia da parte dei paesi del G7” – Sul fronte della politica internazionale, l’inviato Onu per la Libia, Ghassan Salamé, vedrà oggi a Tripoli il capo del consiglio presidenziale libico, Fayez al-Serraj dopo che il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ieri era volato a Bengasi per cercare di fermare Haftar. L’uomo forte della Cirenaica però gli ha detto che andrà avanti e Guterres ha dovuto ammettere di lasciare la Libia “con una profonda preoccupazione e il cuore pesante”, anche se spera “ancora sia possibile evitare uno scontro sanguinoso”. Dall’Europa il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi, dalla ministeriale Esteri del G7 a Dinard, ha precisato che i partecipanti sono tornati “sulla situazione in Libia confermando la loro unanimità di vedute”. Una linea che consiste nella convinzione che non vi sia soluzione militare al conflitto libico e che sia necessario procedere verso una transizione che porti a nuove elezioni. I capi delle diplomazie del G7 hanno poi ribadito il “pieno e coeso sostegno” a Guterres e Salamé, mentre l’Onu cerca di aiutare i libici a “superare lo stallo politico in Libia e aiutare i libici a tracciare un percorso verso elezioni credibili e pacifiche quanto prima possibile, come concordato dalle parti libiche a Parigi nel maggio 2018 e a Palermo nel novembre 2018”. Le dichiarazioni di Moavero sono considerate importanti soprattutto per l’unanimità raccolta in questa riunione del G7 esteri che vede la presenza anche di 3 membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (Francia, Regno Unito e Stati Uniti). “C’è accordo fra tutti i partecipanti – ha spiegato Moavero – sull’analisi della situazione in Libia e sulla richiesta già fatta ieri sera di mettere fine ad operazioni militari che complicano lo scenario, mentre la soluzione non può che escludere ogni opzione militare”.

Trenta: “Riflettere sulle responsabilità” – “A volte pensiamo ai conflitti degli altri come cause di nostri problemi. Pensiamo, per esempio, alla Libia come un pericolo, semplicemente perché domani magari potrebbero arrivare più immigrati. Sappiamo qual è la situazione della Libia in questo momento. Questi eventi sono importanti perché ci fanno riflettere sulle vere responsabilità e non solo su alcune delle ricadute dei conflitti”, ha detto la ministra della Difesa Elisabetta Trenta intervenendo al convegno ‘Monte Marrone 1944 – 75esimo anniversario della rinascita dell’Esercito Italiano’ al museo delle Guerre Mondiali a Rocchetta a Volturno (Isernia). “Oggi i nostri militari – sottolinea Trenta – sono impegnati in 34 missioni internazionali in 24 paesi, ce ne sono un po’ anche in Libia, non solo per la nostra sicurezza, ma per tutti quei popoli che ancora oggi nelle più disparate aree del mondo lottano contro violenza, discriminazioni e sopraffazioni. È questa la nostra sfida: per dimostrarci degni di ciò che i combattenti della resistenza e della guerra di liberazione ci hanno consegnato, dobbiamo contribuire a costruire un mondo migliore, solidale, inclusivo e giusto, perché le guerre non nascono come conflitti militari, nascono come conflitti sociali, come povertà, come ingiustizia. Ed è lì che bisogna lavorare”. “Soprattutto – ha aggiunto – dobbiamo educare le nuove generazioni, affinché un domani siano loro a portare avanti i nostri sforzi. Non c’è altro modo per onorare il coraggio di coloro che caddero per la difesa e la riconquista della libertà del nostro Paese”.