All’interno del rapporto Ocse sulla crescita in Italia “non si parla di austerity“. A tagliare corto, dopo le parole polemiche del vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, sul rapporto Ocse, è stato il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, di nuovo ai ferri corti con il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico. Quest’ultimo aveva chiesto che non ci fossero “intromissioni”, invitando chi crede che servano “politiche di austerity” ad attuarle “a casa loro”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Travaglio: “D’Alema su Pd e M5s a Loft? Da quando non conta più niente gli capita spesso di aver ragione”

next
Articolo Successivo

Auto blu, Consip smonta la polemica: ‘Auto di servizio a nolo e mezzi blindati per la sicurezza, anche di magistrati’

next