“È un po’ di tempo che non ci vediamo. Io sto bene, anzi benissimo sto facendo cose molto interessanti”. Alessandro Di Battista rompe il silenzio con una diretta Facebook. “Ho riflettuto” sull’opportunità di una candidatura alle europee “e ho detto no“.

“Quando sono tornato dal viaggio in Centro America il Movimento 5 Stelle mi ha chiesto di dare una mano – racconta l’ex membro della Commissione Esteri della Camera – Ho subito detto di sì per varie ragioni, per il fatto che nella mia vita ho difficoltà a dire no. Ho subito accettato per la paura di deludere tante persone, attivisti e simpatizzanti. E poi per un senso del dovere, della responsabilità. Mi sono ributtato ‘in mezzo’ e dopo qualche settimana mi sono reso conto che non si possono fare le cose per paura di deludere gli altri o perché si ha difficoltà a dire no. Ci ho riflettuto, sono un po’ uscito da tutto. Non era semplice. Allora ho riflettuto e ho deciso di non candidarmi“.

“Candidarsi – spiega ancora l’ex deputato romano nel video intitolato ‘Ho qualcosa da dirvi!‘ – significa scegliere di mettersi a disposizione della collettività. O sei convinto o no. Io non vorrei andare a Bruxelles… non renderei. O tu butti tutte le energie in quel modo, come ho fatto in Parlamento, o non le fai le cose bene. In questi 40 giorni di silenzio ho riflettuto… ho vissuto dei giorni tranquilli. Se dovessi decidere di rimettermi in campo in primissima linea voglio farlo al meglio. E’ una questione di serietà nei confronti dei cittadini”.

“Oggi non voglio candidarmi – ha ribadito quindi l’esponente del Movimento – Voglio fare altro, continuare a scrivere, a conoscere il mondo. Voglio continuare a farlo con Sahra”, la sua compagna. “Mi sono anche iscritto a un corso di falegnameria a Viterbo. So che dicendo questa cosa mi arriveranno delle prese per il c… enormi ma non me ne può fregare di meno”, ha proseguito Di Battista. “E’ fichissimo, di giorno studio gli incastri a coda di rondine, la sera studio il franco Cfa e provo a scrivere qualcosa. E’ una bella vita, sto facendo quello che ho sempre sognato”.

Nel frattempo “sto scrivendo un libro, edito dalla casa editrice del Fatto, voglio chiamarlo Politicamente scorretto e tratterà una serie di temi che mi stanno a cuore, come il conflitto di interessi. Voglio parlare di colonizzazione, di Africa…”. A questo proposito Di Battista dà un consiglio al suo movimento politico: “Al M5s suggerisco di adottare una linea di politica estera dura. Il M5s deve supportare il diritto delle popolazioni di stare a casa loro“.

Sul fronte interno, Di Battista segue la linea intrapresa dal Movimento: in vista della scadenza del 26 maggio proporsi come alternativo agli alleati di governo della Lega: “La stampa, soprattutto di sinistra, ha scelto Salvini, lo adora. Per loro è la speranza, la Lega è la speranza futura, perché il Partito Democratico è quello che è, di vedersi garantiti i finanziamenti pubblici alla stampa, la reintroduzione della pubblicità per le aziende del gioco d’azzardo…”.

Riguardo l’arresto per corruzione del presidente dell’Assemblea Capitolina Marcello De Vito, Di Battista spiega: “Le mazzette di oggi saranno sempre meno le bustarelle di un tempo. La tangente di oggi è un sistema di consulenze, magari date a terzi, come forse nel caso di De Vito. Mi auguro che Marcello, se giudicato colpevole, cambi città. Penso agli attivisti che si sono fatti il mazzo in questi anni, gridando ‘onestà, onestà‘ anche con lui…”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Congresso famiglie, Di Maio contro Salvini: “Adozioni? Competenza del ministro Fontana. Si legga le deleghe”

next
Articolo Successivo

Congresso famiglie, Landini: “Salvini ha grave responsabilità”. E sul dissenso di Di Maio: “Si chieda con chi fa contratti”

next