“Caro Tria, non toccare i soldi destinati ai risparmiatori. Altrimenti mi dimetto“. A dirlo il senatore del M5s, Gianluigi Paragone, che a Montecitorio ha incontrato i truffati delle banche messe in liquidazione. “I soldi ci sono, un miliardo e mezzo di euro che devono andare a queste persone” ha detto Paragone, in lizza per la presidenza della commissione d’inchiesta sugli istituti di credit

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Revenge Porn, Benedetti (ex M5s) vs i vecchi colleghi: “Sono schifata, siete il peggio del peggio della politica degli slogan”

prev
Articolo Successivo

Pil, Buffagni: “Dati Confindustria? Economia rallenta in tutto il mondo. Segnale di cui tener conto”

next