Sono rientrate il 10 febbraio le 8 suore benedettine del Monastero di Sant’Antonio di Norcia (inagibile dalle basi) andate via il 30 ottobre 2016 dopo le scosse di terremoto che distrussero la Basilica di Norcia e ospitate a Trevi dalle consorelle di Santa Lucia . I container nei quali andranno a vivere sono posizionati nel cortile adiacente al loro Monastero (ristrutturato nel 2000). In parte riprenderanno le loro attività lavorative (prima del terremoto fornivano ospitalità ai turisti e persone, rilegatoria e coltivazione dell’orto) ma dovranno ricominciare da zero e inventarsi nuovi lavori. Nei container oltre alle loro celle, si trova una chiesetta con il tabernacolo dell’ex monastero e una mensa. La loro presenza fisica rappresenta un messaggio di speranza e ripresa, e un collante per la comunità di Norcia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

In uno scuolabus o in mezzo al mare. Lì si può trovare un antidoto all’odio

prev
Articolo Successivo

Bus in fiamme, Ramy: “Cittadinanza? Un sogno. Ma anche per i miei compagni”. La madre di Adam: “L’Italia è il loro Paese”

next