Offrire hashish per sdebitarsi non paga. Anzi costa – come è ovvio che sia – una denuncia per spaccio. Probabilmente non pensava di finire nei guai un marocchino di 31 anni, L.M., pregiudicato e disoccupato, residente a Cremona, che si è preso una denuncia per il possesso di due grammi di sostanze stupefacenti che lui stesso ha offerto a titolo di ringraziamento ai componenti di una squadra di pompieri.

I vigili del fuoco erano intervenuti per mettere in sicurezza di una finestra che risultava pericolante. I pompieri non solo hanno, naturalmente, rifiutato l’offerta, ma hanno immediatamente allertato i carabinieri. I militari hanno così perquisito l’abitazione del marocchino, trovando all’interno della stessa un contenitore appoggiato sul comodino della camera da letto. L’uomo si giustificava dicendo che si trattava solamente di una “gentilezza” per sdebitarsi verso il personale del 115 che gli aveva risolto un problema, rimettendo in sesto il vetro di una finestra di casa, pericolante a causa del forte vento. Detenzione ai fini di spaccio è la contestazione mossagli dalla procura e dalla quale il 31enne dovrà difendersi.

Foto di archivio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Marcello De Vito arrestato: visto che siamo tutti d’accordo, ora andiamo fino in fondo contro la corruzione

prev
Articolo Successivo

“Aiuto, la Polizia mi ha sequestrato”. Sfonda il muro del commissariato a testate e aggredisce gli agenti: le immagini

next