Quale app preferite usare sullo smartphone Android per navigare in Internet? Presto potrete indicare qual è il vostro motore di ricerca preferito. Non occorrere andare a documentarsi, verrà visualizzata sullo schermo la lista dei browser e dei motori di ricerca disponibili, dovrete solo fare clic su quello che vi piace di più. La novità arriverà con tempistiche non ancora definite, ed è ristretta agli utenti Android che risiedono in Europa.

Il provvedimento è un “effetto collaterale” della multa record che la Commissione Europea comminò a Google nel luglio 2018 per abuso di posizione dominante del sistema operativo Android. La Commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager spiegò in quella sede le indagini avevano confermato restrizioni imposte da Google ai produttori di apparecchi Android e operatori di rete per assicurarsi che il traffico venisse veicolato verso il motore di ricerca di Google.

La lista dei browser per Android è lunghissima

 

Google ha presentato ricorso, ma ha dovuto comunque portare avanti delle azioni per allinearsi alla volontà europea. A scanso di ulteriori equivoci, ha modificato la politica di licenza per alcune app Android, creando “nuove licenze separate per Google Play, per il browser Google Chrome e per Google Search” in modo tale da lasciare ai produttori la libertà di installare qualsiasi app alternativa accanto alle proprie applicazioni.

In un post sul blog ufficiale ha poi anticipato la novità sulla scelta del browser. Scelta che non è inedita nella storia. Qualcuno ricorderà che Microsoft fece una cosa simile a seguito della multa di 561 milioni di euro per abuso di posizione dominante per il legame tra Internet Explorer e Windows, comminata nel 2013 dall’Antitrust di Bruxelles. Ai tempi gli utenti poterono scegliere fra Mozilla Firefox, Opera Browser e Google Chrome. Chissà quali saranno le opzioni che proporrà Android, e se questo influirà sulla diffusione del browser Google.

Foto: Depositphotos

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Protesi più reattive e facili da usare con il progetto Input della Commissione Europea

prev
Articolo Successivo

Google Stadia è il nuovo servizio di gaming che potrebbe cambiare il modo di giocare

next