Casapound porta arance in Campidoglio per chiedere le dimissioni di Virginia Raggi. Il consigliere del Municipio X Luca Marsella, insieme al leader delle tartarughe Simone Di Stefano, arriva davanti a palazzo Senatorio con le arance con l’intenzione di consegnarle al sindaco di Roma in seguito all’arresto di Marcello De Vito. “Chiediamo a gran voce che il sindaco Virginia Raggi si dimetta, così come loro hanno chiesto le dimissioni della giunta Marino quando c’è stato lo scandalo di Mafia Capitale”. Un rappresentante delle forze dell’ordine all’ingresso del Campidoglio, però, non ha permesso l’ingresso agli esponenti di Casapound con le arance. Un gruppo di militanti, comunque, si è riunito in piazza con bandiere e striscioni per richiede le dimissioni della giunta capitolina.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

I nuovi Re di Roma

di Il Fatto Quotidiano 6.50€ Acquista
Articolo Precedente

Diciotti, discorso infinito di Rossomando (Pd): ‘Qui si parla di libertà’. Casellati esausta: ‘La smetta o chiudo il microfono’

next
Articolo Successivo

Via della Seta, finalmente l’Italia arriva prima

next