Seguiva la serie Braccialetti rossi, che racconta le vicende di alcuni ragazzi ricoverati in ospedale con gravi malattie, e domandava alla mamma perché alcuni pazienti avessero i capelli e altri no. Così Mavì, una bimba di otto anni di Crevalcore, in provincia di Bologna, ha deciso di donare 70 centimetri dei suoi capelli alla Banca dei Capelli, associazione che crea parrucche con capelli veri per i malati oncologici. L’obiettivo della piccola, come scrive Il Resto del Carlino che racconta la storia, lo ha raccontato lei stessa in una lettera: vedere sorridere chi soffre.

La bambina non si era mai tagliata i capelli da quando era nata “per farli crescere lunghissimi e bellissimi”, racconta la madre, ma ha cambiato idea guardando la serie: “Mi ha chiesto perché alcuni protagonisti delle volte avessero i capelli e altre no, e il resto è venuto da sé”, ha spiegato la mamma. La famiglia ha quindi contattato l’onlus Prometeus che gestisce il progetto Smile in collaborazione con la Banca dei Capelli. Nella stessa giornata anche un’altra donna, un’impiegata di 40 anni di San Giovanni in Persiceto, ha donato 70 centimetri di capelli biondi.

(immagine d’archivio)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Festa del papà, i padri oggi sono molto più amorevoli. Ma non devono perdere autorevolezza

prev
Articolo Successivo

Caro Salvini: fatta l’Italia, disfiamo gli italiani

next