Lui nega di averla conosciuta, lei è morta. Ma a smentire Silvio Berlusconi – che ai giornalisti che gli chiedevano un commento sull’avvelenamento di Imane Fadil, la modella marocchina parte civile nel processo Ruby bis (quello contro Emilio Fede, Nicole Minetti e Lele Mora) e teste in quelli contro il leader di Forza Italia, dichiara: “Non l’ho mai conosciuta”, ci sono le indagini e le motivazioni delle sentenze dei processi. Sia quelle contro l’ex direttore del Tg4, dell’ex agente dei vip e dell’ex igienista dentale poi diventata consigliera regionale, sia quelle che hanno portato all’assoluzione definitiva dell’ex Cavaliere.

L’allora 25enne è stata sei volte ad Arcore, una volta si era esibita nella danza del ventre e in una occasione aveva rifiutato di restare a dormire a Villa San Martino con l’offerta di 5mila euro. Secondo i giudici del processo d’appello a Fede&co la testimone è sempre stata attendibile. La vittima ha incontrato altre due volte Berlusconi: il 29 agosto 2010 nel ristorante milanese “Da Giannino” e anche a Villa Campari, a Lesa, sul lago Maggiore il 4 settembre. “Spiace sempre che muoia qualcuno di giovane. Quello che ho letto delle sue dichiarazioni mi ha sempre fatto pensare che possano essere tutte cose inventate e assurde” ha detto. Ma per tutti i magistrati, che si sono occupati del caso, Imane Fadil non solo era credibile, ma quando riferì anche “dettagli vantaggiosi per l’imputato” come sostengono le toghe, che in secondo grado, hanno assolto Berlusconi dalle accuse di concussione e prostituzione minorile. 

I giudici: “Teste credibile, racconti riscontrati”
A pagina 33 delle motivazioni della IV Corte d’appello di Milano
– nel processo contro Mora, Minetti e Fede – si legge che “Imane Fadil era stata ad Arcore più volte”: la prima nel febbraio del 2010 portata dall’ex agente dei vip e la “serata era stata connotata da attività prostitutiva estrinsecatasi nel consueto format”. Una secondo volta la ragazza era stata attirata nella residenza dell’allora premier da Fede. Imane aveva un impegno a Montecarlo, ma l’allora direttore del Tg4 aveva insistito e aveva continuato a chiamarla per dirle di fare presto perché c’era in ballo un’opportunità di lavoro. La modella, che era in difficoltà economica, era tornata indietro.

Quella sera, stando al suo racconto, aveva visto tra le altre cose Iris Berardi fare uno spogliarello. Agli inquirenti, di quella sera, aveva riferito della gentilezza di Berlusconi che non le aveva fatto nessuna proposta e non le aveva regalato nulla. L’aspirante giornalista sportiva torna ad Arcore il 25 agosto, sempre su invito di Fede. Dopo lo striptease della Berardi, lei aveva eseguito una danza del ventre su richiesta dell’onorevole Maria Rosaria Rossi. Il presidente del Consiglio, si legge nelle motivazioni, “aveva apprezzato la sua esibizione e le aveva regalato un piccolo anello”. Un racconto, riscontrato stando ai giudici, da alcune conversazioni intercettate quello stesso giorno prima della “cena elegante”. Ad Arcore Fadil era tornata il 26 e il 27 agosto. In quelle due serate non c’erano stati momenti erotici o esibizioni, la prima sera la ragazza aveva visto una partita di calcio e quella successiva un film satirico su Fini fatto produrre dall’ex premier. Il riscontro della presenza ad Arcore – scrivono i magistrati – è dato dalle telefonate in cui prendeva con Fede per avere il passaggio in auto e dalla telefonata del 28 agosto intercettata in cui Mora e Fede parlavano della presenza della giovane la sera precedente.

I 5mila euro donati dopo la richiesta di rimanere ad Arcore
Anche il 29 agosto la modella era stata invitata. Questa volta l’appuntamento era nel ristorante “Da Giannino”, locale in passato molto frequentato dal leader di Forza Italia. In quell’occasione a Fadil, secondo il suo racconto, era stato presentato Adriano Galliani, l’allora ad del Milan. Anche questo, scrivono i giudici, “risulta riscontrato dal contenuto” di una telefonata. Il 4 settembre era stata invitata, a Lesa, a Villa Campari dove Imane veniva accompagnata dall’autista dello stesso Fede insieme ad altre due olgettine tra cui Nicole Minetti. È ancora una telefonata che riscontra il racconto: “In questa telefonata Giorgio Puricelli (ex fisioterapista del Milan ed ex consigliere regionale, ndr) confermava a Fede che avrebbe accompagnato sul lago Fadil oltre a Nicole e Barbara (Faggioli, nd)”. La sera del 5 settembre invece a Villa San Martino era arrivata in taxi: quella sera si festeggiava il compleanno di una delle olgettine, Aris Espinoza. Durante il solito bunga bunga Fadil era stata coinvolta in una “danza erotica” proprio dalla Espinoza, ma si era rifiutata. Quella sera l’allora premier l’aveva ricevuta nel suo studio e le aveva detto che aveva saputo da Fede che si trovava in una situazione di particolare difficoltà economica: le aveva dato 5mila euro in una busta e l’aveva invitata a rimanere per la notte. Ma lei era andata via e aveva preso il denaro. Anche su questo racconto i giudici scrivono che quanto riferito da Fadil “trova riscontro”: in ben tre telefonate. Nella prima si evince che Fadil e Fede era d’accordo di vedersi nel corso della serata, nella seconda che era stato chiesto alla modella di ballare ancora la danza del ventre ma che non aveva potuto perché non aveva trovato un abbigliamento adatto. Nella terza c’è la conferma della presenza alla serata di un ballerino cubano e che la ragazza aveva ricevuto un compenso: i 5mila euro comunque donati da Berlusconi anche se non si era fermata a dormire.

La credibilità di Fadil è riscontrata – scrivono i giudici – dalla descrizione precisa e dettagliata del diverso contenuto delle serate a cui ha preso parte. La teste ha indicato con estrema precisione le diverse attività compiute nelle diverse serate, tutte puntualmente collocate temporalmente. Inoltre anche lei ha riferito, in alcune di esse, lo svolgimento dell’attività prostitutiva secondo il cosiddetto format trifasico, descrivendolo in modo identico alle altre testimoni già citate che non conosceva. Ulteriormente plurimi e puntuali riscontri al contenuto delle sue dichiarazioni che derivano da intercettazioni telefoniche. La pluralità e la precisione di tali riscontri esclude qualsiasi dubbio in ordine alla credibilità di quanto narrato da Fadil”. Sicuramente non si tratta di “cose inventate e assurde” come oggi dice il candidato alle elezioni europee.

Anche i giudici che assolsero Berlusconi: “Fadil credibile”
Ma non ci sono solo i giudici del processo contro Minetti, Mora e Fede a stabilire che la marocchina, morta a 34 anni dopo oltre un mese di agonia, ha sempre detto la verità. Anche i giudici del Tribunale di Milano, che condannarono Berlusconi, e i giudici d’appello che invece lo assolsero, scrivono nelle motivazioni che le dichiarazioni della modella era vere. I magistrati di primo grado – a pagina 228 dopo aver riportato le dichiarazioni e i riscontri – scrivono: “In conclusione la deposizione di Fadil Imane, in sé credibile e coerente, nonché debitamente riscontrata dalla risultanze delle attività tecniche … risulta del tutto concorde” con quello di altre testi. Anche i magistrati dell’appello parlano del “racconto” della modella come “intrinsecamente coerente, privo di accentuazioni che possano tradire intenti calunniosi”. Anzi la teste “è ben attenta a riferire dettagli anche vantaggiosi all’imputato…“.