“Non ti senti più motivato? Non ti senti più a tuo agio nella scuola che frequenti? Ritirati. La risposta giusta è Scuola Italia. Cento per cento promossi. Nella Scuola Italia è vietata la bocciatura”. Nel Paese in testa alle classifiche europee per dispersione scolastica, c’è anche chi invita a ritirarsi dalla scuola dell’obbligo per buttarsi nelle mani di questo istituto in cui la promozione è garantita: una telefonata e l’iscrizione è assicurata. Se sei uno studente di quinta superiore e vuoi terminare il tuo anno con la certezza di avere un diploma in tasca basta sborsare 2.500 euro in comode rate mensili. Nulla di così strano, assicurano al numero telefonico stampato sui manifesti: “La nostra scuola è paritaria, riconosciuta dal ministero – assicurano – L’esame viene fatto non in una pubblica ma nelle nostre scuole e ha lo stesso valore. Sulla pergamena c’è scritto ‘Ministero della pubblica istruzione’. Può fare qualsiasi concorso ministeriale e può accedere a qualsiasi università”. Scuola Italia sul sito di presentazione, tuttavia, non si presenta come paritaria. E se si chiedono delucidazioni al ministero dell’Istruzione emerge che Scuola Italia non risulta essere riconosciuta come paritaria e nemmeno avere alcun tipo di riconoscimento da viale Trastevere. In queste ore, dopo la segnalazione partita da ilfatto.it, il Miur ha avviato una serie di verifiche e l’Ufficio scolastico regionale è pronto ad attivarsi.

I manifesti di Scuola Italia sono apparsi soprattutto nel Lazio, a Frosinone e in altre città della regione  Ha la direzione generale a Cassino in piazza Marconi e una sede a Roma in via Stendhal. Ma per chi non fosse laziale, chi risponde al relefono assicura di avere sedi in tutt’Italia. Tra i corsi che offre ci sono l’istituto alberghiero, il tecnico (meccanica, elettronica, informatica), l’agrario. “Un diploma con tanti sbocchi: funzioni tecnico amministrative, perito per tribunali, facilitazioni all’accesso al corpo forestale; il nautico; i corsi di servizi socio sanitari e di turismo”. Un ventaglio di offerte che spazia nelle diverse sfaccettature degli istituti tecnici. Scuola Italia nella sua brochure vanta soprattutto la possibilità di diplomarsi in un anno a prezzi imbattibili. Lo slogan è chiaro fin dalla home page del sito: “È ora di usare la testa!!! Con noi 100% promossi e l’ammissione alla classe quinta è gratis!!!”. Di fronte allo stupore per la promozione assicurata, al telefono è pronta la risposta: “Oggi non si boccia più nessuno se si ha un pizzico di buona volontà: basta crederci nelle cose. Ci vediamo due minuti, inquadriamo lo studente, poi lo aiutiamo, lo pilotiamo verso il traguardo”. Si spera che – pur senza bocciature – il risultato non sia quello visibile sul manifesto pubblicitario, sofferente di refusi e svarioni ortografici.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Viaggi di istruzione, mandare in gita i ragazzi più meritevoli non sarà una soluzione a costo zero

prev
Articolo Successivo

Scuola, rinviata la valutazione dei presidi per il terzo anno consecutivo : “Norma è incompleta e mancano organi ispettivi”

next