Il Consiglio dei ministri ha deliberato lo scioglimento dell’Azienda sanitaria provinciale di Reggio Calabria per infiltrazioni della ‘ndrangheta, affidandone la gestione ad una Commissione straordinaria. La decisione è stata presa su proposta del prefetto di Reggio Calabria, Michele di Bari, in base all’esito dell’accesso antimafia eseguito nei mesi scorsi. La commissione è composta da composta dal Giovanni Meloni, da Maria Carolina Ippolito e da Domenico Giordano. La decisione di sciogliere l’Asp di Reggio Calabria era nell’aria da settimane. Nei giorni scorsi, con la visita in Calabria del ministro della Salute Giulia Grillo, le voci di un imminente scioglimento si sono fatte più insistenti.

L’Azienda sanitaria provinciale era finita sotto la lente dell’antimafia nel luglio scorso quando la prefettura aveva inviato tre commissari per verificare tutti i documenti su gare, appalti e personale dipendente. D’altronde non è un mistero che sulle scrivanie dei procuratori di Reggio Calabria, Palmi e Locri ci sono numerosi fascicoli aperti che puntano ad approfondire le disfunzioni che si trascinano da anni e che, nonostante tutti i commissariamenti, non sono mai state risolte.

A cominciare dai bilanci con le uscite e le entrate dell’azienda che, da tempo non si riescono a ricostruire perché, per alcuni anni, manca proprio la contabilità dell’Ente. Questo avrebbe impedito ai vari dirigenti e commissari che si sono succeduti di apportare qualsiasi iniziativa di risanamento dell’Asp per quale non è possibile quantificare il “rosso” che, di certo, se si considerano i debiti pregressi è superiore ai 200 milioni di euro. Un recente studio di Crif Ratings ha descritto una situazione ancora peggiore con un patrimonio netto dell’Asp di Reggio che, negli ultimi 3 anni, risulta essere sempre negativo e la mole di debiti avrebbe superato i 420 milioni a fine 2017 (+40% rispetto al 2016).

Al momento non sono noti i dettagli della relazione con la quale la prefettura ha chiesto al Consiglio dei ministri lo scioglimento per infiltrazioni mafiose ma non è difficile immaginare che nel calderone siano finiti i cosiddetti “doppi e tripli pagamenti” di fatture a creditori che, consapevoli del caos contabile dell’Asp, ricorrevano a decreti ingiuntivi e pignoramenti relativi sempre agli stessi servizi che l’Azienda aveva già pagato. Quello che sarebbe certo, invece, è il riferimento nelle carte della prefettura di interferenze illecite nella gestione amministrativa dell’Ente e soprattutto gli appalti prorogati da anni, senza una gara pubblica, sempre alle stesse ditte in tutto il territorio reggino.

Molti di questi casi sono stati denunciati alla Procura dall’ex dg Giacomino Brancati che aveva segnalato anche i servizi non resi rispetto agli obiettivi assegnati dalla direzione generale. Sempre Brancati, inoltre, nel febbraio 2018 aveva denunciato alla Procura un’anomalia relativa agli stipendi che venivano erogati ad alcuni dipendenti che, negli anni, erano stati condannati per reati gravissimi, anche di mafia, e interdetti in perpetuo dai pubblici uffici. Si tratta di soggetti che da almeno 13 anni si trovavano addirittura in carcere e che, piuttosto che essere licenziati, ricevevano l’assegno regolarmente l’assegno familiare. Tra questi anche Alessandro Marcianò, il caposala dell’ospedale di Locri condannato all’ergastolo con l’accusa di essere stato il mandante dell’omicidio del vice presidente del Consiglio regionale Franco Fortugno ucciso a Locri il 16 ottobre del 2005.

Quando scoppiò il caso, il dg Brancati (oggi non più alla guida dell’Asp) commentò così: “Devo dire che l’azienda ha dato solo l’assegno alimentare, che per Marcianò, orientativamente, è pari a poco più di un anno. Un altro ha 5-6 mesi. Ma c’è un terzo che ha dieci anni. È possibile mai che in dieci anni nessuno si sia accorto di qualcosa?”. La verità è che era possibile così come pagare cooperative non accreditate per il servizio residenziale per i pazienti psichiatrici. Per questo, sotto inchiesta della Procura della Repubblica e con l’accusa di abuso d’ufficio, sono finite nove persone tra i vertici e i professionisti dell’Asp che dal 2014 ad oggi hanno occupato ruoli direzionali nel Dipartimento di salute mentale della Regione.

In una recente inchiesta antimafia, coordinata dalla Dda, inoltre, sono confluite le indagini di un procedimento penale che aveva visto coinvolta una società, di proprietà di due soggetti indagati per mafia, con riferimento “a fatti e circostanze inerenti acquisti di beni e servizi dell’Asl di Locri” poi confluita nell’Asp reggina. In sintesi, la società finita nell’inchiesta della Dda, risulta essere beneficiaria “di versamenti in contanti ed assegni, senza alcuna giustificazione commerciale” erogati da un soggetto “titolare di società distributrici di apparecchi elettromedicali, già tratto in arresto per associazione per delinquere finalizzata alla truffa aggravata e alla frode in pubbliche forniture avvenute presso l’Asl di Locri”.

Non è escluso, infine, che nella relazione dei commissari potrebbero essere finite alcune intercettazioni tra massoni reggini inserite nel fascicolo di “Gotha”, il più importante processo che si sta celebrando contro la ‘ndrangheta reggina e, soprattutto, contro la “cabina di regia” costituita da un comitato d’affari di cui le cosche sono solo una delle componenti. Questo, probabilmente, è l’aspetto più inquietante perché nelle intercettazioni registrate nell’ambito dell’inchiesta “Mamma Santissima”, il procuratore aggiunto Giuseppe Lombardo e i carabinieri del Ros hanno sentito due massoni (un grosso imprenditore di Reggio e un docente universitario di Roma) che, nel 2014, hanno cercato di avvicinare un senatore calabrese con l’obiettivo di “mantenere invariata la linea di condizionamento della citata Azienda Sanitaria”.

Secondo i carabinieri del Ros, l’imprenditore massone “si autocolloca al centro di un sistema di interessi e relazioni – è scritto nelle carte del Ros – creato per gestire a proprio vantaggio il settore sanitario reggino (che in ambito pubblico certamente costituisce la voce di bilancio più corposa). Tale controllo viene svolto tramite la politica al cui condizionamento si perviene creando le alleanze politiche e controllando il libero esercizio del voto”. Si tratta di un sistema che dallo stesso massone intercettato, viene definito un “giocattolo”, una “cosa non nota al mondo”, e quindi segreta, e che in concreto si traduce in “uno strumento bestiale”.

Nell’intercettazione si fa riferimento più volte al senatore che “è nelle commissioni dove fanno le leggi”, a un consigliere regionale del centrosinistra e a un consigliere comunale di Reggio del Pd. Se poi si considera che lo stesso massone, secondo i Ros si colloca “all’interno dell’associazione mafiosa” non c’è da stupirsi se la prefettura ha chiesto e ottenuto dal Consiglio dei ministri lo scioglimento per mafia dell’Azienda sanitaria locale di Reggio Calabria.